Il Dottore e Romana.

Romanzo di “Shada”

Il Dottore e Romana.Tra tutte le storie perdute di Doctor Who ce n’è una in particolare che più che perduta non è proprio mai stata realizzata. Parliamo di “Shada”, serial che sarebbe dovuto essere il finale della stagione 17 (1979/80), con protagonista il Quarto Dottore, Tom Baker. La storia non venne mai realizzata per uno sciopero alla BBC.

Esistono però versioni della sceneggiatura (di Douglas Adams, nientemeno!), note di produzione e persino alcune scene girate. Alcune di queste scene vennero riciclate nel 1983 per lo speciale “The Five Doctors” (nel quale Tom Baker non volle comparire e quindi venne inserito modificando quelle scene).

Nel 2003 la Big Finish produsse un audio drama basato sulla storia (ma con protagonista l’Ottavo Dottore, Paul McGann). Ne fu fatta anche una strana versione animata in Flash (!) ancora disponibile oggi sul sito ufficiale (in teoria almeno, temo pretenda un Flash troppo vecchio… però c’è anche la versione in Real Player. Chi usa ancora Real Player?).

Douglas Adams riutilizzò parti della trama per il suo romanzo (non di Doctor Who) “Dirk Gently. Agenzia di investigazione olistica” e non diede mai il permesso di realizzare il romanzo della storia (cosa più unica che rara a quei tempi… sono infatti solo 5 le storie classiche del Dottore a non avere una corrispondente novelization).

Ora però qualcosa è cambiato e, con il pieno appoggio degli eredi di Douglas Adams, il nostro Gareth Roberts (“The Shakespeare Code”, “The Unicorn and the Wasp”, “Planet of the Dead”, “The Lodger”) è all’opera sul volume che uscirà tra circa un anno per la BBC Books.

Flattr this!

8 commenti su “Romanzo di “Shada””

  1. Non è del tutto esatto.
    La produzione venne interrotta più o meno a metà per uno sciopero.
    e le parti realizzate non vennero mandate in onda.
    Però nel ’92 la parte girata è montata uscì in VHS con Tom Baker che narrava le parti mancanti.

    1. Ho cercato un po’ ovunque di capire la quantità di “girato”, ma non l’ho trovato scritto da nessuna parte. Dove l’hai trovata? Certo, avere la VHS risponderebbe automaticamente alla domanda.

      1. Ovviamente la cassetta non è arrivata in italia, ma su internet si trova il video in formato avi e c’è chi sta facendo i sottotitoli in italiano. non so se è lecito postare roba simile

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.