Michelle Gomez

Il ritorno di Missy

Michelle GomezNon è un segreto che Missy Michelle Gomez) sarebbe ritornata nella nuova stagione; oltre a risultare ovvio dalla sua “uscita di scena”, era già stato annunciato a destra e a manca da tutti.

Quello che non si sapeva era quando sarebbe tornata.

Questo è stato rivelato proprio oggi… Missy tornerà… subito! Nel primo episodio della nona stagione! Che stanno girando proprio in questi giorni.

Sarà un episodio doppio di cui già conoscevamo il titolo della prima parte (“The Magician’s Apprentice”) e di cui ora scopriamo il titolo della seconda, un ambiguamente simmetrico “The Witch’s Familiar”. Scritti – ovviamente – da Steven Moffat i due episodi sono diretti da Hettie Macdonald che i più attenti ricorderanno come regista di “Blink”.

Confermato anche il ritorno di Jemma Redgrave nei panni di Kate Stewart.

Ecco come Missy presenta il suo ritorno:

flattr this!

UNIT

UNIT per la Big Finish!

UNITStamane ho parlato di un Lethbridge-Stewart… e di certo non avrei pensato che stasera avrei parlato di un’altra Lethbridge-Stewart!

Dopo la serie di libri dedicati al “Brigadiere” ecco arrivare una serie di audio drama dedicati allo UNIT e sua figlia, Kate Stewart!

La notizia è particolarmente interessante perché è la prima volta che la Big Finish ottiene la licenza per produrre delle storie basate su un personaggio della serie “moderna”, finora si dovevano limitare ai personaggi classici. (Si potrebbe sindacare che Kate era stata creata in una storia non ufficiale del 1995, ma facciamo finta di nulla e speriamo che questo sia un segnale che le licenze BBC si stanno un po’ allentando permettendo più libertà, almeno verso chi ha dimostrato nel corso degli anni di saper produrre opere di qualità come la Big Finish.)

Il primo boxset, “UNIT: Extinction“, uscirà a novembre e il cast, oltre a Jemma Redgrave, verrà annunciato a breve. Cinque dischi, circa 300 minuti di storia scritta da Andrew Smith, Matt Fitton e diretta da Ken Bentley. Il cofanetto fisico costa €26.47 più €5.29 di spedizione, mentre il download costa €20. Tutti i preordini riceveranno in omaggio una copia digitale (audio) delle memorie di Nicholas Courtney. Questa prima storia vedrà Kate alle prese con la Nestene Consciousness e gli Auton.

Tre altri boxset verranno poi realizzati e messi in vendita a intervalli di sei mesi (e per chi si vuole portare avanti è possibile ordinarli già tutti insieme).

flattr this!

The Forgotten Son

I romanzi di Lethbridge-Stewart

The Forgotten SonÈ stata da poco annunciata una nuova serie di romanzi non propriamente di Doctor Who, ma molto legati alla serie. Si tratta infatti di una serie di romanzi che vedranno protagonista il “Brigadiere” (qui ancora colonnello) Lethbridge-Stewart e che seguiranno direttamente dalla sua prima apparizione nel 1968 nel serial del Secondo Dottore “The Web of Fear” (da poco recuperato nella sua quasi interezza e disponibile in DVD in inglese).

La serie si chiamerà proprio “Lethbridge-Stewart” e uscirà per l’editore Candy Jar Books. I diritti del personaggio, come in molti di questi casi, sono degli eredi degli autori del suo creatore, in questo caso gli autori dell’episodio sopracitato Mervyn Haisman e Henry Lincoln. L’autore del primo romanzo della serie, Andy Frankham-Allen è amico del nipote di Haisman e da qui è nato tutto.

Haisman e Lincoln oltre a “The Web of Fear” hanno scritto “The Abominable Snowmen” (sono così anche i creatori degli Yeti e della Great Intelligence) e “The Dominators” e nei romanzi quindi potranno trovare spazio tutti i personaggi e gli alieni creati in questi episodi. Non il Dottore, Victoria, Jamie e Zoe, naturalmente.

Quest’anno uscirà un primo gruppo di quattro romanzi, ma stanno già lavorando a un secondo gruppo per il 2016.

I primi quattro romanzi saranno:

  • The Forgotten Son di Andy Frankham-Allen (26 febbraio)
  • Horror of Det-Sen di Lance Parkin
  • The Schizoid Earth di David A. McIntee
  • Mutually Assured Domination di Nick Walters

Sulla Doctor Who Magazine numero 483, in vendita ora, c’è un breve racconto intitolato “The Ambush” ambientato durante “The Web of Fear” (subito prima del secondo episodio) che fa da prequel sia al resto dell’episodio stesso che alla serie di libri. Se avete visto “The Web of Fear” avrete anche già capito di che imboscata parla il racconto.

I romanzi si possono già ordinare in blocco direttamente dal sito dell’editore per 58 sterline. Verranno spediti singolarmente alle diverse date di uscita.

Il primo romanzo è comunque già ordinabile su Amazon.it in formato ebook a 7,08 EUR e in cartaceo su The Book Depository a 10,62 EUR.

E se siete a Londra il 28 febbraio andate al Who Shop per la presentazione ufficiale del primo libro con l’autore, la nipote di Mervyn Haisman e Terrance Dicks. Cci sarebbe dovuta essere anche Jemma Redgrave (Kate Lethbridge-Steward), ma purtroppo la sua partecipazione è stata cancellata.

La serie ha anche una sua pagina Facebook che potete seguire per rimanere aggiornati sulle uscite.

flattr this!

Elisabetta I

RTD, Moffat e la regina Elisabetta

Elisabetta IUn paio di mesi fa, nel suo angolo della posta sulla Doctor Who Magazine, Steven Moffat aveva indicato tutti i matrimoni presunti o meno del Dottore, includendo naturalmente anche quello con Elisabetta I.

Un lettore, di nome Russell T. Davies, sul numero di questo mese gli ha fatto una domanda a riguardo…

Russell T. Davies:

Mi piace molto la lista delle mogli del Dottore che hai fatto sulla DWM 482. Avresti mai pensato, 10 anni fa, che avremmo mai avuto questa conversazione? Ma… cosa vedo? Il suo matrimonio con la regina Elisabetta I non è stato consumato? Ma, ma, ma… in The End of Time Part I il Decimo Dottore arriva sulla Ood-Sphere e saluta il suo vecchio amico Ood Sigma dicendogli “Mi sono sposato. È stato un errore. La buona regina Bess. E lascia che te lo dica, il suo soprannome non vale p… ehm“. Cosa vuol dire, boss? Cosa potrebbe mai voler dire?? Steven, cosa vuol DIRE??? Grazie.

La risposta di Steven Moffat:

Oh, per l’amor del cielo, FA’ ATTENZIONE. Ti sei ammosciato lassù a Manchester. Sei diventato come del tofu, direi. Forse è a causa della tua pigrizia, quella che non ti ha fatto scrivere nessun episodio per me nonostante io ne abbia scritti sei per te. Sì, SEI. Anzi, no, SETTE. Time Crash conta ed era per beneficenza. Ma non importa, oh no, io continuerò a scrivere e ignorerò i miei bambini, va bene!
Okay, i fatti. Ho detto che il matrimonio non è stato consumato… ed è vero. Hai visto tu stesso, in The Day of the Doctor… è scappato via subito dopo la cerimonia. Perché l’avremmo mostrato in TV se non fosse vero? Ma non ho mai detto – non una singola volta, mai – che la loro relazione non fosse stata consumata!
Sì, Russell! Ho osato toccare questo argomento. E proprio mentre tu ansimi e ti aggrappi ai mobili per sorreggerti, sto scrivendo sulle pagine della Doctor Who Magazine di inciuci prematrimoniali! Mi rendo conto che tu probabilmente non hai mai sentito parlare di affaracci così poco santi – se guardo il tuo curriculum vedo che scrivi principalmente di frutta e verdura per Channel 4 – ma sono cose che succedono, sai? Be’, non a Manchester.
Quindi ecco la tua risposta. Puoi tornare a dormire tranquillo. La spacconata del Dottore in The End of Time (oh, e grazie per quel titolo, subito prima che io raccogliessi le tue redini) e la mia affermazione per cui il suo matrimonio con Elisabetta non fosse stato consumato non sono affatto in contraddizione l’una con l’altra. E questo è un fatto! Accetta il mio fatto. Ritirati vergognandoti del tuo errore.
Anzi, scrivimi una storia e non ne parleremo più.

Questo è uno dei motivi per cui:

  • La Doctor Who Magazine è un acquisto obbligato;
  • La pagina di Steven Moffat è la prima da leggere;
  • RTD e Moffat sono due simpatici deficienti e noi per questo li amiamo.

PS: Il soprannome di Elisabetta I era “La regina vergine”;
PPS: Cucumber, Banana e Tofu sono le tre serie di RTD in onda su Channel 4. Come potete facilmente immaginare, non trattano di frutta e verdura.

flattr this!

LEGO Doctor Who

Il set LEGO di Doctor Who è una realtà!

LEGO Doctor WhoLEGO Ideas è una piattaforma in cui gli utenti possono proporre a LEGO delle loro idee personali per cercare di farle diventare dei veri set. C’è una votazione pubblica seguita da una valutazione da parte di LEGO una volta che una proposta ha raggiunto i 10000 voti in un anno.

Circa un anno fa LEGO ha annunciato che era diventato possibile presentare progetti relativi a Doctor Who, cosa prima impossibile per questioni legate alle licenze. Ovviamente i progetti sul Dottore sono subito fioccati e due hanno raggiunto velocemente i 10000 voti: Doctor Who e Doctor Who and Companions.

Entrambi i progetti facevano parte della precedente “review” (così si chiamano i processi di valutazione da parte di LEGO), ma pur non passandola, invece di essere esclusi, erano entrambi stati “rimandati” alla successiva. I cui risultati sono usciti oggi (con qualche giorno di ritardo… è dal 30 gennaio che continuo ad aggiornare la pagina del blog di LEGO Ideas!)

“Vincitori” di questa review sono risultati “Wall-E” e… “Doctor Who and Companions”, di Andrew Clarke!

Questo cosa significa? Significa che in questo momento un designer LEGO sta lavorando per trasformare l’idea iniziale in un vero set che verrà messo in vendita nel corso del 2015. Il set potrebbe anche essere molto diverso dall’idea presentata… oppure molto simile, si può solo attendere per vedere. Probabilmente, in linea con i set LEGO Ideas usciti in passato, il prezzo sarà abbastanza contenuto e così le dimensioni del set.

In passato LEGO Ideas ci ha regalato chicche come la Ecto-1 di Ghostbusters o la Delorean di Ritorno al futuro. Per non parlare del set di The Big Bang Theory (che ancora non è uscito e di cui non si conosce ancora la forma finale, esattamente come questo).

LEGO Doctor Who
Il progetto (non il modello definitivo).

La proposta includerebbe un TARDIS (ovviamente), un Dalek, uno o due Dottori (Ten o Twelve tra i nuovi, Four tra i vecchi), una o due companion (Rose o Clara e Sarah Jane) , magari un Weeping Angel, magari un Cyberman, magari K-9. Ma tutto questo può cambiare completamente… potrebbero anche farci tutti i Dottori (una voce incontrollata che circolava pochi giorni fa), chi lo sa!

flattr this!