Shada

Shada, di Douglas Adams e Gareth Roberts, in italiano!

ShadaA sorpresa (nel senso che non c’eravamo accorti) è uscita l’edizione italiana del romanzo Shada, scritto lo scorso anno da Gareth Roberts (autore di episodi come “The Shakespeare Code” o “Closing Time”) come novelization dell’episodio mai girato del Quarto Dottore scritto dal grandissimo Douglas Adams. Abbiamo già raccontato la storia di questo episodio (e di come sia diventato un romanzo) in occasione dell’annuncio di due anni fa e ci ritroviamo oggi ad annunciare che è uscito in italiano per Mondadori, con traduzione di A. Vezzoli.

La data di uscita del volume (un brossurato) è ieri e il prezzo ufficiale è 14 euro.

Naturalmente su Amazon.it lo trovate già con il 15% di sconto.

Io l’ho letto e posso dire che è bellissimo e imperdibile per qualsiasi fan del Dottore (e di Douglas Adams!)

La quarta:

Oltre 700 episodi, 33 anni di programmazione: “Doctor Who” è la serie televisiva dei record, la più longeva saga fantascientifica di sempre. In queste pagine, lo scrittore di culto Douglas Adams ci regala un’avventura inedita, mai portata sullo schermo né tradotta in italiano.
Il Signore del Tempo professor Chronotis, vecchio amico del Dottore, si è ritirato all’università di Cambridge, dove nessuno si accorgerà mai che egli vive da secoli. Ma adesso ha bisogno dell’aiuto del Dottore, della sua giovane assistente Romana e di K-9, il suo fedele computer a forma di cane. Lasciando Gallifrey, il pianeta d’origine della potente specie dei Signori del Tempo, infatti, ha portato con sé alcuni souvenir, per lo più innocui. Ma ce n’è uno molto, molto pericoloso, L’antico e venerabile codice di Gallifrey, uno dei Potenti Artefatti, risalenti ai giorni oscuri di Rassilon: un libro che assolutamente non deve cadere nelle mani sbagliate. E quelle del sinistro Skagra sono le più sbagliate che si possano immaginare. Perché lui vuole quel libro, a tutti i costi.
Vuole che il professore gli sveli la verità nascosta dietro Shada, il misterioso pianeta-prigione dove vengono rinchiusi i criminali che tentano di conquistare l’universo. E si dà il caso che la conquista dell’universo è proprio il progetto di vita cui Skagra ha deciso di dedicarsi…

Grazie a Dave per la segnalazione.

Flattr this!

15 commenti su “Shada, di Douglas Adams e Gareth Roberts, in italiano!”

  1. e’ comunque sbagliato dire che l’episodio Shada e’ inedito: lo era per l’epoca, quando, a causa dello sciopero dei lavoratori della BBC ne compromise lo shooting e la messa in onda…
    nel 1992 tutto il girato venne preso, montato, ed intervallato con interventi di Tom Baker a fungere da “raccordo” tra le varie parti, e fatto uscire direttamente in home video… e’ anche su Youtube!!! 🙂

    1. Non esiste proprio, non è solo “inedito”! La versione che sarebbe stata girata e andata in onda a suo tempo, naturalmente. 🙂 Poi di altre versioni ne esistono fin troppe (si fa per dire)!

      1. ma mica tanto, da quel che so, c’e’ la versione che dicevo io, e quella in audiolibro con l’ottavo dottore e paul mcgann a dargli la voce… la prima credo sia proprio targata BBC (per lo meno ho visto in giro dei DVD distribuiti da loro), mentre gli audiolibri mi sembra siano “in licenza”… 🙂

      1. Per la precisione.
        Il girate delle prime due puntate è quasi integro, il narrato di Baker copre solo pochissime scene di esterni, del tipo “Tizio passa dall’edificio A all’edificio B)
        Dalla terza puntata in poi le scene mancanti aumentano in maniera vertiginosa, negli ultimi episodi rimangono girate solo poche scene di interni e la narrazione di Baker è anche abbastanza confusa per una vicenda che già di suo è abbastanza rocambolesca.

        Il libro di Roberts è carino, con un sacco di citazioni affettuoso sia agli lavori di Adams sia al Modern Who.

        Detto questo, spero che non facciano anche le novelization di Pirate Planet e City of Death

          1. sono contento!!! spero arrivi anche questo in Italia!!
            in inglese ho comprato solo “the coming of the terraphiles” di Moorcock è l’ho trovato abbastanza ostico e quindi ho deciso di leggere solo i tradotti in italiano..

  2. Finito di leggere questa mattina ! Non perdetelo!Che meraviglia essere di nuovo in viaggio con il mio primo dottore, la prima parte è straordinaria ed esilarante..(Adams ci manchi!)poi come scive Roberts stesso nella postfazione magari le cose si complicano un po troppo, ma proprio per questo hanno il buon vecchio “sapore” di fondale di cartone da pacchi, pareti che quasi crollano in testa agli attori, macchinari di scena in bella vista e “costumi” che nessun sano di mente farebbe indossare neanche al peggior attore, neanche alle feste di carnevale più nerd…le stagioni del Dottore del XX secolo…personaggi ingenui e dialoghi non per forza “smart”e ai 1000 all’ora.Suppongo non proprio appetibile per i ragazzi del XXI secolo…
    Descrivendo il Dottore interpretato da Tom Baker poi mi ha fatto capire perchè mai fossi rimasta così incantata dal personaggio!

  3. Io l’ho cominciato ieri! Che emozione. Mi piace proprio, spero che continui così fino alla fine. 🙂
    Mi piace che si parli di Gallifrey… e i picoli accenni anche alle puntate nuove. Mi piace l’ironia che ho trovato fin ora. Insomma, un libro che aspetto con ansia di leggere la sera!

  4. Mi mancano ancora poche pagine ma già amo questo romanzo!

    Devo dire che purtoppo sono piuttosto indietro sul recupero delle serie classiche, però questo Dottore è spettacolare e capisco sempre più perché sia molto apprezzato.

    Per il resto io adoro Adams ho già letto e mi sono goduto “Dirk Gently. Agenzia di investigazione olistica” senza conoscere la parentela con Doctor Who, Shada trasuda D.N.A. già a partire dall’introduzione!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.