Archivi tag: sherlock

Serialemmys 2011

SerialemmysPer una volta parliamo di un premio italiano! Serialmente, noto sito che tutti voi dovreste per ovvi motivi conoscere, ogni anno assegna i suoi “Emmy” (con molta più logica degli Emmy “veri”) e anche quest’anno Doctor Who e Torchwood (e segnaliamo anche Sherlock, come show associato!) sono in lista in diverse categorie… sta a voi votarli! Basta iscriversi a Serialmente e poi, in questa prima fase, potrete dare fino a sei preferenze per ogni categoria, per scegliere le vere e proprie nomination. Votate bene!

Migliore attore protagonista di una serie drammatica
Benedict Cumberbatch (Sherlock)
Matt Smith (Il Dottore)

Migliore attrice protagonista di una serie drammatica
Karen Gillan (Amy Pond)
Eve Myles (Gwen Cooper)

Migliore episodio di una serie drammatica
6×01/02 – The Impossible Astronaut / Day of the Moon (Steven Moffat)
6×07 – A Good Man Goes to War (Steven Moffat)
(Sherlock) 1×01 – A Study in Pink (Steven Moffat)
(Torchwood) 3×04 – Day 4 (John Fay)

Migliore attore non protagonista di una serie drammatica
Martin Freeman (Watson)

Migliore attrice non protagonista di una serie drammatica
Alex Kingston (River Song)

Angolo della carampana – Donne
Karen Gillan (Amy Pond)

Già che parliamo di premi, ricordiamo che si sono aperte le votazioni ai Portal Awards e potrete votare una volta al giorno per un mese.

Infine, sono appena state annunciate le nomination ai BFS Fantasy Awards 2011, e nella categoria Television sono nominati: “A History of Horror With Mark Gatiss”, “Being Human”, “Doctor Who”, “Sherlock” e “True Blood”. Qui però solo i membri della BFS possono votare!

Per gli altri premi invece… votate, votate, votate!

BAFTA a Sherlock

Mark Gatiss, Benedict Cumberbatch, Martin Freeman, Sue Vertue, Beryl Vertue e Steven Moffat.In teoria si dovrebbe essere tristi quando Doctor Who non vince un premio… ma come si fa quando poi a vincerlo è la serie gemella Sherlock, di Steven Moffat e Mark Gatiss? Non si fa e quindi complimenti a entrambi per la vittoria come miglior serie! E complimenti a Martin “Watson/Bilbo” Freeman per la sua vittoria come migliore attore non protagonista! Niente premio ahinoi né per Matt Smith, né per Benedict Cumberbatch nella categoria miglior attore protagonista.

La vittoria di Sherlock:

Alex Kingston (!) annuncia la vittoria di Martin Freeman:

Ecco Matt Smith e Catherine Tate (!!) sul red carpet:

(Martin Freeman si è anche lasciato scappare che Benedict Cumberbatch sarà nello Hobbit, come lui!)

Parlando di premi, sono state annunciate le nomination ai Constellation Awards (un premio canadese). Tante nomination che ci riguardano qui, David, Matt e Tony Curran (Van Gogh) come migliore attore, Karen e Katherine Jenkins (Abigail) come migliore attrice, Doctor Who come miglior serie, Murray Gold come premio tecnico (?), “The Eleventh Hour” e “Vincent and the Doctor” come miglior sceneggiatura.

Ennesima intervista a Steven Moffat

Steven Moffat.Manca ormai solo un giorno!! L’ansia cresce e l’impressione che la scorsa (bellissima) stagione fosse in realtà solo per scaldarsi e introdurre i personaggi si fa sempre più pressante. Vedremo domani sera cosa succederà!

Nel frattempo eccovi un’altra intervista rilasciata da Steven Moffat, questa volta a Gothamist.

Nell’intervista scopriamo che:
– Stanno girando l’ultimo episodio della sesta stagione;
– Moffat deve ancora scrivere il suo episodio di Sherlock (la cui produzione è iniziata oggi – o comunque il giorno dell’intervista), ma appena l’avrà fatto dovrà tornare a Doctor Who, perché per lui è ormai ora di pensare a Natale!
– L’idea è che ogni episodio possa essere introduttivo, ma non finire, in modo da lasciare gli spettatori curiosi e farli tornare. E questo anche a livello di intera stagione… come nella scorsa, in cui il Silenzio è rimasto alla fine un mistero;
– Scrive le sue storie rigorosamente in ordine e non si lascia tentare di andare avanti in anticipo anche se gli vengono delle idee;
– L’idea di River Song è nata perché gli serviva un modo non banale di rendere il Dottore noto all’archeologa nella biblioteca… e farlo in questo modo era di sicuro non banale (e di colpo è diventato l’aspetto principale della vicenda) (questo lo sapevamo già, in realtà);
The Time Traveler’s Wife è stata un’influenza, soprattutto per “The Girl in the Fireplace”;
Doctor Who non è Hannah Montana, ma potrebbe piacere comunque ai bambini americani, nello stesso modo in cui piacciono Guerre stellari o Gli Incredibili;
– Ci sono somiglianze tra il Dottore e Sherlock Holmes (tant’è che nel 1963 il creatore Sydney Newman disse alla produttrice Verity Lambert che lo stavano facendo troppo antipatico, sarebbe dovuto essere più come… Sherlock Holmes), ma nei dettagli sono molto diversi… Sherlock è sostanzialmente crudele, mentre il Dottore ovviamente no;
– Martin Freeman tornerà in UK apposta per girare le sue scene da Watson pur essendo impegnato a fare Bilbo nello Hobbit di Peter Jackson, in Nuova Zelanda;
– Per motivi misteriosi Sherlock è stato un successo annunciato mentre Jekyll non l’ha guardato nessuno (e quindi non ci saranno seguiti);
– Nixon non era un totale imbecille;
– Jack potrebbe anche tornare, per Moffat la serie sempre quella è per cui non c’è nessun limite ai possibili ritorni dei personaggi, se non si esagera. Per Jack sarebbe anche stata ora, ma è ovviamente impegnato in Torchwood. E pare abbiano appena fatto riferimento a Rose (non per farla tornare, un semplice riferimento);

Niente NTA 2011 a Doctor Who

Per la prima volta dal suo ritorno sulle scene, Doctor Who non ha vinto gli NTA (National Television Awards) come miglior serie e migliore attore. Che la serie non sia più all’altezza? Che Matt Smith non sia bravo? Ovviamente queste sono idiozie, il motivo è ovvio, ed è colpa di… Moffat! O meglio di Sherlock. D’altra parte è colpa di Doctor Who se a vincere non sono stati appunto Sherlock e Benedict Cumberbatch. Essendo gli spettatori e i fan delle due serie praticamente lo stesso gruppo di persone i voti che in genere vanno a un’unica serie sono stati divisi in due, e tra i due “litiganti” ha goduto il terzo!

Peccato, ma d’altronde meglio avere due serie di questo livello che perdono i premi perché si pestano i piedi a vicenda che una sola che li vince ma è… una sola!

Magari l’anno prossimo cambieranno metodo di votazione permettendo una scelta multipla! Non ce n’era bisogno in passato, ma ora… (visto che l’anno prossimo si ripresenterà lo stesso caso con entrambe le serie!).

In compenso abbiamo guadagnato questa magnifica scena introduttiva alla serata, scritta dallo stesso Moffat!