Archivi tag: the wedding of river song

“Il matrimonio di River Song” e lo speciale natalizio fra poco su Rai 4!

Ci siamo! Anche in Italia finisce la sesta stagione con “Il matrimonio di River Song” (traduzione corretta di “The Wedding of River Song”). E non solo, ci becchiamo subito anche lo speciale di Natale “The Doctor, the Widow and the Wardrobe”!

Il sito di Rai 4 ha una scheda dedicata al finale di stagione, ma ancora niente per Natale.

Quando avrete visto gli episodi tornate qui a leggere le recensioni che avevamo fatto a suo tempo per Serialmente:The Wedding of River Song” e “The Doctor, the Widow and the Wardrobe“!

E ora? Ora attendiamo come tutto il resto del mondo che arrivi la settima stagione, alla fine (?) dell’anno! Le riprese sono iniziate lunedì e già si sono visti alcuni nuovi volti e alcuni ben noti luoghi, dai report dai set…

Flattr this!

6×13 – The Wedding of River Song

Dopo qualche giorno di riposo, eccovi infine il commento all’ultimo episodio della sesta stagione!

Come sempre su Serialmente. EDIT: Serialmente non esiste più, copiamo il post qui.

“I consent and gladly give.”

Fine! Stop! Basta! Niente più Dottore per un anno (be’, okay, c’è sempre Natale)! E la domanda che sorge spontanea è: come faremo a sopravvivere? Lo speciale di Natale, okay. Le scene aggiuntive che saranno nei DVD, okay… ma l’attesa per una vera stagione sarà luuuuuuuunga. Sigh.

Comunque.
Il tempo è collassato, sono, sono sempre state e sempre saranno le 17:02 del 22 aprile 2011. Pterodattili svolazzano per Hyde Park e l’imperatore del Sacro Romano Impero, Winston Churchill è vagamente infastidito dalla cosa, tant’è che fa chiamare un certo indovino suo prigioniero: il Dottore, che ci racconta com’è andata: indagando sul Silenzio prima della sua morte, il Dottore rintraccia la testa – viva e vegeta – di Dorium che gli fa una macabra “profezia” sulla domanda che mai dev’esser posta e gli spiega che il Silenzio lo vuole morto per evitare appunto questa profezia. Per giungere a Dorium il Dottore passa anche dal Teselecta che sta al momento indagando proprio sul Silenzio. Giunto alla sua ora sul Lago Silencio, la River nella tuta… si rifiuta di ucciderlo ed è questa la causa del collasso del tempo. Nel frattempo il Dottore e Churchill hanno combattuto un po’ di Silenti, ma arriva Amy (con un esercito) al salvataggio. Si spostano in Egitto in treno, dove hanno la loro base. Amy ha vaghi ricordi di tutto, essendo Amy, ma non riconosce Rory che qui è il capo del suo esercito. Giunti alla piramide che fa loro da base c’è anche River Song e, prigioniera, Madame Kovarian. Hanno anche centinaia di Silenti prigionieri, ma in realtà fingevano di esserlo per poter attaccare al momento giusto. Il Dottore cerca di convincere River a toccarlo, in modo da tornare alla scena sul Lago Silencio e fare accadere il punto fisso come dovrebbe, ma lei non ne vuole sapere. Per convincerla… la sposa (!) e le sussurra il suo nome nell’orecchio. Dopodiché lei accetta, si baciano, la scena al lago ha luogo come deve e tutto torna al suo posto.
Finale 1: Amy è a casa sua a bere vino e arriva sua figlia a trovarla (direttamente da “Flesh and Stone“). Vedendo la madre triste per la morte del Dottore le rivela che in realtà lui non le ha detto il suo nome, ma di guardargli dentro all’occhio, perché… era il Teselecta con la forma del Dottore con dentro il Dottore! Che è quindi vivo e vegeto, ma ne approfitta per sparire dalla circolazione visto che l’universo lo ritiene morto.
Finale 2: il Dottore riporta al suo posto la testa di Dorium e scopriamo la terribile domanda che non deve avere risposta… Doctor Who?

Tutto chiaro? Mi pare di sì, anche perché quest’anno il livello di timey-wimey è stato assolutamente contenuto, se non praticamente assente. Un’unica realtà alternativa globale (che verrà ovviamente cancellata) e l’unico incastro sta nella narrazione a flashback (con Churchill) del Dottore. Metodo molto efficace per partire subito con il botto e mettersi in pari con la storia più avanti.

L’anno scorso una delle cose più belle del finale era l’idea che ci fosse un “disegno” superiore ancora decisamente aperto da completare quest’anno. Era una novità per Doctor Who, una novità estremamente apprezzata. E c’era anche la sensazione che la quinta stagione fosse stata solo l’apertura delle danze, per poi iniziare a fare sul serio quest’anno. E così è stato! In maniera abbastanza inaspettata la cosa si ripete anche quest’anno e ancora una volta pur essendo la trama della stagione (le origini di River Song e la morte del Dottore) conclusa, resta il “disegno” superiore aperto! Se l’anno prossimo si farà ancora più sul serio probabilmente ci esploderà il cervello. Ma a questo punto immagino che tutto culminerà con i festeggiamenti per i 50 anni del Dottore nel 2013. A occhio, a questo punto, il vero “cattivo” dietro a tutto sarà Omega, non fosse altro per il simbolo dell’esercito religioso… ma poco importa, quello che importa è che viene rafforzata l’idea della storia unica. Si tranquillizzino comunque i fan dei procedurali (?), visto che per l’anno prossimo è stata promessa una maggioranza di episodi standalone (e se sono buoni come quelli di quest’anno, ben vengano). La cosa avrebbe anche senso narrativamente, visto che ora il Dottore dovrebbe mantenere un profilo basso.

Ma torniamo alla morte del Dottore. Per mesi ci siamo trastullati con l’idea che quella fosse la copia di Carne del Dottore… ma alla fine siamo stati fregati perché era sì una copia, ma era il Teselecta. Sicuramente in molti avevano previsto anche questa possibilità (io c’ero arrivato solo quando s’è visto nell’episodio), ma non so quanti avessero previsto un dettaglio che per me fa la differenza rispetto a un qualsiasi duplicato: il Dottore era all’interno di “se stesso”, rendendo quel Dottore il vero Dottore, sempre, e non una copia. Questa è stata la cosa veramente geniale nella soluzione al dilemma, a mio avviso. (E mi sfugge come ci possa essere chi non capisce perché un robot sappia iniziare una rigenerazione… voglio dire, si trasforma in una motocicletta nazista e non dovrebbe essere in grado di emettere un paio di luci?)

Una critica un po’ più sensata che ho visto in giro è che senza l’interferenza di River Song (nel rifiutarsi di uccidere il Dottore e nel voler riscrivere un punto fisso) non ci sarebbe stato l’episodio perché il Dottore stava, sostanzialmente recitando. Ed è verissimo! Ma infatti secondo me il punto principale dell’episodio è “Cerchiamo di rimettere le cose in carreggiata nonostante River in buona fede abbia sputtanato tutto”. Ma è una critica che si potrebbe fare a qualsiasi storia, senza una causa scatenante non c’è storia e qui la causa scatenante è questa.

E naturalmente il punto fisso è stato rispettato in pieno, se non l’avete capito riguardatevi l’episodio (o forse l’intera stagione). Non serviva che il Dottore morisse realmente, serviva che quello che doveva succedere succedesse, tutto qui, semplicissimo. Una tautologia, ma tant’è. Il Silente che girava lì intorno ha visto che tutto è andato come doveva e ora l’universo sa che il Dottore è morto il 22 aprile 2011 in riva al Lago Silencio in Utah.

E questo apre nuovi interessantissimi scenari! Per un po’ il Dottore potrà “volare basso”, senza la gran fanfara che l’ha accompagnato negli ultimi anni. Anche se la cosa è curiosa per un viaggiatore del tempo… che ne sa uno da che punto arriva il Dottore? Sarà interessante da vedere.

Anche le conseguenze del matrimonio con River saranno interessanti da vedere, se e quando (ma secondo me è più un quando) le vedremo. D’altra parte la storia con River (e di riflesso con Amy e Rory) è tutt’altro che conclusa… si è semplicemente chiusa (circolarmente) la parte in cui si incontravano spesso al contrario. Ma non c’è motivo per cui tutti gli altri loro incontri debbano essere in quei 200 anni (ma saranno davvero passati, fra l’altro?). Tanto più che è sempre stato abbastanza palese che River conoscesse almeno altri due Dottori dopo Ten. Ma giustamente questo non sarà più il tema centrale di una stagione, immagino tornerà (e lo stesso i suoi genitori) in episodi random. D’altra parte il Dottore deve ancora rivelarle il suo nome! E questo porta naturalmente a chiedersi se il matrimonio sia valido o se manchi ancora quella piccola formalità. Chi è esperto di matrimoni Time Lord faccia un fischio! Personalmente la considero sua moglie fino a prova contraria. E per fortuna è risultato essere davvero con il Dottore il matrimonio! Era ovvio al 99% fin dai primi tempi, ma il titolo così esplicito dell’episodio mi aveva fatto temere… (temere cosa poi? chi altro avrebbe potuto sposare? Dorium? Teneva un marito come soprammobile?) La scena finale con lei che torna a casa da babbo e mamma è meravigliosa. Si vede come sarà la loro vita in futuro ed è esattamente come speravo che sarebbe stata, con River che va a trovarli a caso tra le sue avventure. Ci tengo anche a sottolineare che il Dottore non aveva davvero bisogno di sposare River a quel punto. Avrebbe potuto semplicemente prenderla da parte un secondo. O dirlo anche a Amy e Rory (tanto poi glielo dice River). Se l’ha sposata è perché voleva farlo. Forse non è il genere di matrimonio che sognava River, ma non credo si possa lamentare. Inoltre finalmente così Amy si è resa conto di essere sua suocera! Erano mesi che volevo vedere la sua reazione e non mi ha deluso.

Un momento bellissimo dell’episodio è stato l’omaggio al Brigadiere… non solo in quanto bellissimo omaggio, ma perché inserito perfettamente nella trama. Il Dottore sta facendo lo sborone… “faccio fare i compiti a Rose, vado agli addio al celibato di Jack, mi unisco ai Beatles…” finché non sente che il suo vecchio amico è morto, senza che lui potesse dargli un ultimo saluto (per ovvi motivi) e la spavalderia gli passa. Magnifico. Sarebbe stato bello poter citare anche Sarah Jane, ma l’avrei vista un po’ dura (perché non sarebbe corretto far morire Sarah Jane ora all’interno della storia).

Amy e Rory. Rory ormai è diventato in qualsiasi sua incarnazione una versione più figa di Chuck Norris. E sempre per amore di Amy, anche quando non ricambiato come qui. Il disegnino del Rory figo fatto da Amy è una delle cose più esilaranti al mondo. E a Amy tocca anche una delle scene più interessanti dell’episodio, quando decide di abbandonare Madame Kovarian. “Sai che altro è il Dottore? Non qui”. Battuta bellissima. E che tornerà a tormentarla in seguito, naturalmente… anche se mi pare ben più che giustificata visto cosa aveva fatto a lei la Kovarian. Sì, decisamente la loro storia come companion regolari del Dottore è finita, ma li vedremo ancora più volte.

E veniamo alla domanda. Genio, puro genio! “La domanda nascosta in bella vista”… Moff? Ma vaff…! Più bella vista del titolo! Ed è effettivamente la prima domanda fatta questa stagione. Ma era stata fatta anche nel primo episodio del 1963 (be’, primo serial, secondo episodio, non siamo fiscali) e da allora decine e decine di volte. La domanda ovviamente può voler dire più cose… dal più semplice “Qual è il suo nome?”, che potrebbe naturalmente ancora avere a che fare con River, a “Chi è veramente il Dottore?” che può portare da qualsiasi parte. E indirizzare la storia sulla vera identità del Dottore in vista dei 50 anni è elettrizzante a dir poco.

Un altro punto di puro genio è stata la seppur brevissima presenza di Charles Dickens che parla di “A Christmas Carol” come di uno “Speciale di Natale” e… soprattutto… interpretato dallo stesso attore che lo aveva interpretato in “The Unquiet Dead”, cioè il secondo episodio del 2005! Fantastico. Mi chiedo se abbiano scritto la scena a seconda della disponibilità dell’attore (e magari non abbiano provato anche, per esempio, a cercare Shakespeare…).

Per non parlare della scena River/Dottore di “Forest of the Dead” capovolta. “Time can be rewritten”/”Don’t you dare!” con la sostanziale differenza che qui il Dottore sa che sta recitando e non morirà, mentre là River non sapeva che in qualche modo sarebbe stata “salvata” e andava incontro a morte certa.

Ci sarebbero da lodare anche le scenografie davvero fantastiche dei vari temi “romani” e non solo a Londra, ma ho già scritto un papiro (e per quanto belle, come gli effetti speciali, sono cose decisamente secondarie rispetto a storia e personaggi). E naturalmente attendiamo con estrema ansia la data di uscita con il CD della colonna sonora. Murray Gold, sbrighes!

Molte domande che ci eravamo posti nel corso dei mesi hanno avuto risposta:
– Perché il Silente aveva detto ad Amy che avrebbe “portato il Silenzio”? Perché sua figlia River avrebbe ucciso il Dottore (e sappiamo ora che il Silenzio che calava era da intendersi come il suo);
– La morte del Dottore era stata inscenata dal Dottore e da River? No, non erano per nulla d’accordo (altrimenti non ci sarebbe stato questo episodio);
– Come può morire il Dottore nella 6×01? Non può, era ben schermato dal Teselecta con la sua forma.
– Dov’era il TARDIS del Dottore che muore nella 6×01? Dentro di lui, insieme al Dottore vero! (Questa era fantastica.)
– Chi è River Song? La moglie del Dottore.
– Rivedremo Amy e Rory? Sì.

Ma molte restano ancora aperte!
– Chi ha fatto esplodere il TARDIS dicendo “Silence will fall” nel finale dell’anno scorso? “Il Silenzio”, ovviamente, ma alla fine… per chi lavorano i Silenti? Per Jar Jar Binks? Chi c’è dietro al “Silenzio” che in fondo non è altro che un ordine religioso? Perché i soldati cambiano idea sul Dottore tra quinta e sesta stagione (al contrario)? E perché hanno il simbolo “Omega” (appunto) sulle loro divise (cosa ribadita ancora qui quando si vede la River con la tuta mimetica alla fine)?
– Chi ha portato Melody dal 1969 a New York agli anni 90 a Leadworth? Con chi vive la piccola Mels?
– Tutta questa storia culminerà con la rigenerazione in Twelve? (Speriamo di no, o in alternativa speriamo che duri ancora molto a lungo).
– Hitler è ancora nell’armadio?
– Sono davvero passati 200 anni?
– Il MOIGE UK non esiste? Che paese civile. (Perché sfido qualsiasi tv italiana a mettere una scena con un tizio che cade in un pozzo di teschi e viene da loro mangiato… in un “telefilm per bambini”.)
– Avremo un episodio multi-Dottore, se con la storia ha senso? Eccleston, pretty please? Rapitegli dei parenti, ma convincetelo!
– Doctor who?

Ah, il vichingo era Mark Gatiss, anche se nei credits ha usato uno pseudonimo. Quell’uomo è un pazzo.

Okay, basta… ci vediamo sui Campi di Trenzilor, per la Caduta dell’Undicesimo! (In realtà no, ci vediamo a Natale, ma faceva figo dirlo.)

PS: Firmate tutti la petizione contro la chiusura del Confidential, chissà che qualcosa non si muova…

“The Wedding of River Song” è stato scritto da Steven Moffat.

(Grazie a Morry, che con me e altri cura Doctor-Who.it, per l’aiuto!)

Episodio:
6

Stagione:
5,5

Flattr this!

Sottotitoli 6×13 – The Wedding of River Song

Fine! La sesta stagione è finita col botto! E che botto! Ora dobbiamo solo attendere fino a Natale per avere un altro episodio… da suicidio! Intanto eccovi gli ultimi sottotitoli della stagione… abbiamo finito col farli anche questa volta immediatamente, vi abbiamo decisamente viziati troppo in questa seconda parte di stagione!

Come sempre, qui: The Wedding of River Song.

Al solito, limitate i commenti spoiler in questo commento, potete sempre farli sul forum.

Flattr this!

Prequel e trailer di “The Wedding of River Song”

Avete visto “Closing Time”?

Se l’avete visto, magari con i nostri sottotitoli, allora è giunto il momento di passare al prequel e ai trailer dell’ultimo episodio di questa fantastica stagione!

Prequel (scritto da Steven Moffat):

Doctor, brave and good
He turned away from violence
When he understood
The falling of the Silence

Trailer BBC:

Trailer BBC America:

E ricordate: Silence will fall when the question is asked.

Flattr this!