Archivi tag: hugo awards

Hugo nomination come se piovesse!

Hugo Award[Periodo magro per le notizie su Doctor Who questo. I siti esteri ogni giorno riportano foto dal set, ma noi tendiamo a evitare (o al limite segnalarle su Facebook), per chi proprio non vuole sapere nulla. A meno che non salti fuori qualcosa di clamoroso! O che si capiscano certe cose già dai titoli. Per esempio è possibile che quando uscirà il titolo dell’episodio scritto da Mark Gatiss si capirà benissimo chi saranno i personaggi interpretati da Tom Riley (Da Vinci’s Demons) e Ben Miller. Ma se lo volete sapere subito, accomodatevi pure (spoiler).]

Siamo qui per parlare d’altro comunque! Sono state annunciate le nomination ai premi Hugo 2014. I premi saranno annunciati e consegnati il 17 agosto a Londra, durante la Loncon 3.

Come al solito la categoria che ci interessa è: Best Dramatic Presentation (Short Form). Le nomination sono:

  • An Adventure in Space and Time, scritto da Mark Gatiss, diretto da Terry McDonough;
  • Doctor Who: “The Day of the Doctor”, scritto da Steven Moffat, diretto da Nick Hurran;
  • Doctor Who: “The Name of the Doctor” scritto da Steven Moffat, diretto da Saul Metzstein;
  • The Five(ish) Doctors Reboot, scritto e diretto da Peter Davison;
  • Game of Thrones: “The Rains of Castamere” scritto da David Benioff e D.B. Weiss, diretto da David Nutter;
  • Orphan Black: “Variations under Domestication”, scritto da Will Pascoe, diretto da John Fawcett;
  • L’anno scorso l’Hugo “ci” era stato soffiato da Game of Thrones, ma quest’anno sarà più difficile. Certo, è l’episodio del Red Wedding, ma ultimi 5 minuti a parte il resto dell’episodio non è che fosse granché! Per cui… speriamo!

    In passato avevano vinto: “The Empty Child”/”The Doctor Dances” (Moffat), “The Girl in the Fireplace” (Moffat), “Blink” (Moffat), “The Waters of Mars” (Ford/Davies), “The Pandorica Opens”/”The Big Bang” (Moffat) e “The Doctor’s Wife” (Gaiman).

    C’è anche un’altra candidatura per noi interessante, nella categoria Best Graphic Story abbiamo “The Girl Who Loved Doctor Who”, scritto da Paul Cornell, e illustrato da Jimmy Broxton. Tutti vi ricorderete di Paul Cornell come autore dei bellissimi episodi “Father’s Day” e “Human Nature” / “The Family of Blood”.

    E non è finita. Nella categoria Best Related Work abbiamo Queers Dig Time Lords: A Celebration of Doctor Who by the LGBTQ Fans Who Love It.

    Flattr this!

Nomination Hugo 2013

Steven Moffat e il premio Hugo vinto per "The Girl in the Fireplace"
Steven Moffat e il premio Hugo vinto per “The Girl in the Fireplace”
E continuiamo con la serie di notizie odierne… come se non bastasse il grande ritorno di Doctor Who ieri sera, sono anche uscite le nomination ai premi Hugo 2013 (il maggior riconoscimento mondiale nell’ambito della fantascienza)… e tutti gli episodi di Steven Moffat sono stati nominati!

La categoria, è la solita, Best Dramatic Presentation, Short Form. Ecco le nomination:

Doctor Who, “The Angels Take Manhattan”, scritto da Steven Moffat, diretto da Nick Hurran (BBC Wales)
Doctor Who, “Asylum of the Daleks”, scritto da Steven Moffat; diretto da Nick Hurran (BBC Wales)
Doctor Who, “The Snowmen”, scritto da Steven Moffat; diretto da Saul Metzstein (BBC Wales)
Fringe, “Letters of Transit”, scritto da Akiva Goldsman, J.H.Wyman, Jeff Pinkner. diretto da by Joe Chappelle (Fox)
Game of Thrones, “Blackwater”, scritto da George R. R. Martin, diretto da Neil Marshall. (HBO)

La concorrenza è agguerrita, uno dei migliori episodi di Fringe (quello che pone le basi per l’ultima stagione) e forse il più bello di Game of Thrones, scritto da Babbo Natale George R. R. Martin stesso!

Ricordiamo le vittorie degli scorsi anni:
– 2006: “The Empty Child”/”The Doctor Dances”
– 2007: “The Girl in the Fireplace”
– 2008: “Blink”
– 2010: “The Waters of Mars”
– 2011: “The Pandorica Opens”/”The Big Bang”
– 2012: “The Doctor’s Wife”

Aggiungiamo in fine che candidato nella categoria “Best Related Work” c’è un saggio su Doctor Who: Chicks Unravel Time: Women Journey Through Every Season of Doctor Who (della stessa serie del vincitore di qualche anno fa Chicks Dig Time Lords: A Celebration of Doctor Who by the Women Who Love It)

Flattr this!

Hugo Awards 2011

La premiazione per gli Hugo Awards, i più importanti premi fantascientifici assegnati durante la WorldCon di fantascienza ormai giunta all’edizione numero 69, si è tenuta ieri sera a Reno, Nevada. E quest’anno Doctor Who si è portato a casa un premio, anzi diciamo due. Infatti nella categoria BEST RELATED WORK, il premio è andato a Chicks Dig Time Lords: A Celebration of Doctor Who by the Women Who Love It, testo a cura di Lynne M. Thomas e Tara O’Shea. Ma l’award più importante ovviamente è l’Hugo nella categoria BEST DRAMATIC PRESENTATION, SHORT FORM che è andato al finale della quinta stagione “The Pandorica Opens” / “The Big Bang”, scritto da Steven Moffat e diretto da Toby Haynes.

In precedenza Moffat aveva già vinto il prestigioso premio per “The Empty Child” / “The Doctor Dances”, “The Girl in the Fireplace” e “Blink”. Mentre RTD l’aveva vinto per “The Waters of Mars”. (L’unico anno in cui si è “saltato” è stato quando era nominato “Silence in the Library” / “Forest of the Dead”, ma quell’anno ci ha messo lo zampino Joss Whedon con il suo Dr. Horrible).

Il premio è stato presentato e assegnato da George R. R. Martin, autore della saga A Song of Ice and Fire, che ha precisato che questo premio è pensato soprattutto per la televisione, ma che questo non costituisce un limite, ricordando uno degli altri nominati per la categoria, la canzone Fuck Me Ray Bradbury. Il premio è stato accettato da uno degli autori di Doctor Who presente a Reno, Paul Cornell, il quale ha dichiarato che questo ha dato alla serie ancora più successo di quanto non ne avesse prima, sempre in ambito Hugo ovviamente. Una lista completa dei premi di questa edizione potete trovarla sul sito degli Hugo Awards.

Flattr this!