12×07 – Can You Hear Me?

E un altro bell’episodio!

Davvero niente da dire su questa stagione… ormai mancano tre episodi alla fine, il prossimo sembra interessante e poi c’è il finale doppio che dovrà faticare per non esserlo. Per cui, a meno di improbabili disastri, stagione promossa quest’anno. Contro ogni possibile aspettativa! Molto bene.

Per questa settimana torniamo ad avere la sigla non subito all’inizio ma una scena iniziale. Che parrà una stupidata, ma migliora sempre tantissimo la struttura dell’episodio, è davvero incomprensibile che non lo facciano più sempre.

Scopriamo così che nella Siria del 1380 si curavano già le malattie mentali (sembrerebbe essere vero), che sono un po’ il tema dell’episodio, ma anche questa settimana, come la scorsa, molto ben inserito nella storia. E rappresentano anche la “scusa” per degli approfondimenti sui personaggi, aspetto che viene spesso dimenticato. Lamentarsi (?) di questo sarebbe folle.

Vediamo così quella che sarebbe la vita normale di nostri tre companion. Lasciamo Yaz per ultima… Ryan torna dal suo amico Tibo che avevamo già visto qualche tempo fa e sembra essere quello più colpito dallo sfasamento con la vita normale. Anche quando ne parla con Yaz alla fine… che si predisponga un suo abbandono della serie? Sarebbe curioso se solo uno dei tre lasciasse, considerando anche il suo rapporto con Graham. Però tutto può essere, potrebbe anche semplicemente non viaggiare sempre con loro ma tornare ogni tanto. Sembra pazzesco, ma se a una persona vengono questi dubbi e la sua più grande paura è quella di perdersi la “vita vera”, tutto è possibile.

Zellin è veramente inquietante… le dita che si staccano e si infilano nelle orecchie, ma a chi vengono in mente ‘ste cose? E’ roba da Moffat! Comunque è un immortale (e cita anche i guardiani e persino il Celestial Toymaker!) e parla decisamente troppo, la scena in cui spiega la cose non finiva più.

Graham ha chiaramente paura del cancro, questo è abbastanza normale. Ma questa sua paura porta a una scena abbastanza curiosa e che qualcuno sembra non avere apprezzato: il Dottore che non sa cosa dirgli. A me è piaciuta, mi è sembrata una reazione… “umana”. E’ vero che il Dottore non è umano, però in un caso così (ben diverso dai problemi di Ryan) è anche normale non sapere cosa dire senza dire frasi fatte inutili. Qualcuno ha considerato la scena di pessimo gusto perché fatta “for the LOLz”. A me non è sembrato. E nemmeno a Graham, direi.

Il Dottore al momento (chi si ricorda “The God Complex”?) ha chiaramente paura di quello che le ha datto il Master, la bugia del Timeless Child che torna alla ribalta (prima del finale). Che questa bambina sia l’altra Dottore? O lei?

Venendo a Yaz… qui rimane il mistero. Cos’è successo davvero tre anni prima? Che anniversario “festeggia” con la sorella? Perché era scappata? Per il bullismo (già citato in passato) o altro? Perché solo la sorella si era preoccupata quando era scappata (e preoccupata che facesse “qualcosa di stupido”, anche)?

  • Bello il disegnino per raccontare la storia dei due pianeti.
  • La dea sembra Danaerys Targaryen nera (ma sempre bionda).
  • Il Dottore usa la Forza (?) per prendersi il cacciavite dalla tasca.
  • Il cacciavite funziona con le dita. Non come con il legno.
  • Tahira sembra una giovane (sigh) Jewel Staite.
  • La jacuzzi del TARDIS!
  • M’è piaciuto molto quando Tibo racconta alla fine ad altre persone che andava al supermercato per parlare con qualcuno e trovava la cassa automatica. E gli altri ridono!
  • Ma ancora di più m’è piaciuto quando Yaz ha dato i 50 pence alla poliziotta.
  • Molto bello il fatto che alla fine Tibo sappia tutto.

Flattr this!

2 commenti su “12×07 – Can You Hear Me?”

  1. Sono un grande fan di Doctor Who però questo episodio si rivela un vortice di informazioni, gli antagonisti sembrano dei capaci di fare tutto ma vengono sconfitti in meno di 5 minuti. Le storie dei companion come sempre non vengono spiegate e la loro vita è molto vaga, diciamo che sono abbastanza inutili in tutta la serie al contrario dei precedenti companion. La trama dell’episodio era accattivante ma è stata rovinata nel finale per la voglia forse di chiudere velocemente la storia. Troppe cose inspiegate che ho paura rimangano tali come negli scorsi episodi. Un lato positivo è finalmente il fatto che il dottore sbagli, anche se non ci mette molto a rimediare all’errore.
    Spero che questo bambino/bambina del tempo si riveli l’asso nella manica della stagione, perché per ora non stiamo sicuramente nella sufficienza.

  2. Buon episodio. Francamente la stagione è andata molto meglio del previsto. Ma che lo hanno fatto apposta a fare disastrosa quella precedente?

    Il finale veloce secondo me non è un problema, anzi, è sempre stata una peculiarità della serie, succedeva sempre il finimondo e alla fine il Dottore risolveva tutto in un attimo.
    D’altra parte in una serie dove non si spara e non ci sono combattimenti è normale fare così.
    Secondo me quello che frega il finale è che è scontato. Dal momento in cui ti spiegano la storia dei due pianeti sai già che li sconfiggeranno usando le paure contro di loro e rinchiudendoli di nuovo.
    Nelle serie precedenti invece il finale era sempre a sorpresa, veloce, ma sempre inaspettato.

    Sono anche abbastanza contento del cattivo di turno, il super dio bullo che ti mette le dita nell’orecchio. Il prossimo cattivo farà sicuramente delle smutandate.
    All’inizio dell’episodio ho subito pensato, ecco fatto, un’altra volta un mostro dentone che va in giro grungnendo in faccia alla gente, che pizza. I mostri non fanno paura, le cose strane si.
    Anche in questo episodio si portano dietro gente a caso dal passato, e anche in questo episodio alla fine la sbolognano subito.
    Magari un giorno avremo un Dottore che fa visita a più companion, vivendo avventure di volta in volta con gente diversa. Non sarebbe male, ed in fondo è possibilissimo.
    Sul fatto che il numero di companion possa ridursi, a me la cosa non dispiace. Come ho sempre detto, sono troppi. Non si riesce a dare loro abbastanza spessore, non c’è tempo.
    Ryan è in effetti il candidato più probabile. Il ruolo di Graham in questa serie è stato ridimensionato, ma continua ad essere una buona controparte.
    E in genere le companion funzionano meglio, perché sono più versatili. Possono essere le damigelle in pericolo, quelle compassionevoli, le eroine che salvano la situazione, o quelle che tengono testa al Dottore.
    Non che con un companion non si possa fare, ve lo ricordate Steven con il primo Dottore?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.