The Girl Who Died

9×05 – The Girl Who Died

The Girl Who DiedSo, ah, what are you? Farmers. Fishermen. Web designers. Maybe not that last one.

(Ma ce l’ha con me?)

Il Dottore e Clara vengono fatti prigionieri dai Vichinghi, ma appena giunti al loro villaggio un problema più grosso si presenta: un alieno che finge di essere Odino fa rapire i guerrieri del villaggio dai suoi soldati e li uccide tutti per ricavarne un po’ di succo di testosterone (chie prelibatezza…). Arya Stark Ashildr, una piccola vichinga, incazzata lo sfida e l’alieno guerrafondaio decide di combattere il giorno successivo. Morirebbero tutti se il Dottore non decidesse, controvoglia, di aiutarli. Come possono vincere? Il TARDIS è troppo lontano per essere raggiunto, quindi… usiamo la corrente elettrica prodotta da delle anguille! E proiettiamo un’illusione grazie a un elmo rubato agli alieni e alla vivida immaginazione di Ashildr. Gli alieni vengono battuti, ma Ashildr, sopraffatta dall’elmo, muore. Che fare? Il Dottore non può intromettersi nella storia più di tanto, ma… di colpo comprende il motivo per cui ha inconsciamente scelto quella faccia alla rigenerazione! Per ricordarsi che lui è il Dottore e salva le persone, come aveva salvato la famiglia di “The Fires of Pompeii”. Così usa un chip dall’elmo alieno per “riparare” Ashildr. Lei non lo sa ancora, ma in questo modo è diventata immortale… quando incontrerà ancora con il Dottore cosa succederà?

Per rispondere alla domanda dovremo solo aspettare qualche giorno, ovviamente, perché anche questo è un episodio doppio!

O quasi. Direi che questo è uno di quei casi di episodio doppio anomalo che si traduce in due storie collegate. Considerando anche il fatto che gli autori delle due parti sono completamente diversi! Questa settimana infatti torna, coadiuvato da Moffat, il fan-favorite Jamie Mathieson (che tra una decina di giorni vedremo a Lucca con il Moff) dopo gli exploit dello scorso anno con “Mummy on the Orient Express” e “Flatline”. E anche in questo caso possiamo dire che ci ha regalato un bellissimo episodio!

C’è qualche eco di “Robot of Sherwood” come ambientazione “medievale” e invasione aliena e anche come livello di umorismo, più alto del solito (ZZ Top? Heidi?). Ma le somiglianze finiscono qui perché le questioni toccate dall’episodio sono serie e importanti. Il Dottore finalmente ricorda dove aveva già visto la sua faccia, stimolato da una situazione che lo porta a ragionare sui suoi limiti. In “The Fires of Pompeii” si era lasciato convincere da Donna a ignorare le regole. Qui si convince da solo, con la sua faccia. Tutto questo potrebbe anche ricordare “The Waters of Mars” (e lo fa), ma secondo me c’è una leggera differenza tra i due casi; allora il Decimo Dottore si stava lasciando prendere da manie di onnipotenza, mentre ora riconosce di poter ignorare certe regole ogni tanto se si tratta di salvare delle persone, persone che è stanco di continuare a vedere morire attorno a lui. Il suo solito punto focale è Clara, naturalmente, ma a “beneficiare” della realizzazione del Dottore è però Ashildr che diventa immortale. Il Dottore le lascia persino la possibilità di rendere qualcun altro immortale come lei, per motivi che chiunque abbia visto il primo Highlander capisce benissimo. (Ma in questo modo la rende un ibrido… quello di cui parlava Davros?)

Già prima il Dottore si preoccupava della sua tendenza a creare guerrieri (pensando a Clara… ma dovrebbe ricordarsi che era la stessa cosa che gli rinfacciava Davros al loro incontro precedente, in “Journey’s End”). Ora cosa succederà ad Ashildr? Diventerà una nuova Jack Harkness o qualcosa di peggio? Tra l’altro, nel caso dovesse sopravvivere immortale al prossimo episodio, sarà interessante rivederla spuntare fuori in futuro e potrebbe essere la scusa per far ricomparire anche Jack… tra immortali si tende a trovarsi alla lunga. (Sogno?)

Un’altra cosa che mi è piaciuta particolarmente è stato il modo in cui il Dottore in questo episodio parla il linguaggio dei bambini. Finora la cosa era stata sfruttata in maniera umoristica, con Stormageddon e la piccola Melody Pond. In questo caso invece la traduzione è decisamente seria e porta persino alla scoperta del metodo per battere gli alieni.

Davvero un ottimo episodio… se devo trovare un problema non è nell’episodio in sé quanto nel fatto che quando il Dottore ha questi (sacrosanti) momenti in cui sfida le leggi del tempo e/o dei Signori del Tempo viene sempre da chiedersi perché altre volte non lo faccia. Ha una macchinetta per la resurrezione… perché non l’ha usata per Danny Pink? O per il Brigadiere? Giusto per citarne due recenti, ma ce ne sarebbero tantissimi. Non solo, ne ha due di macchinette, sa bene cosa vuol dire veder tutti che ti muoiono intorno (sebbene, se frequentasse di più i suoi simili, questo problema non dovrebbe averlo) alludendo pure esplicitamente al fatto che prima o poi Clara non ci sarà più… ma non la dà a Clara, la lascia ad Ashildr per poterle dare qualcuno. Perfettamente sensato, ma un po’ lunatico!

Due parole sugli attori. Capaldi ormai è immenso, le sue espressioni, i suoi sguardi di complicitàcon Clara, i suoi pantaloni (!). Assolutamente perfetto e nato per questa parte. E poi Maisie Williams. Io amo Maisie Williams fin dal primo episodio di Game of Thrones. E anche qui è bravissima, in un ruolo che solo all’apparenza può sembrare (almeno finora) uguale a quello di Arya Stark. Ricordiamoci che Arya il finto Odino l’avrebbe infilzato direttamente lei o quantomeno ci avrebbe provato.

Vedremo la prossima settimana cosa succederà, in un episodio scritto da Catherine Tregenna che torna in questo universo dopo sette anni di assenza (seconda stagione di Torchwood).

Intanto è l’ennesimo 5- (questo dovrebbe essere valutabile singolarmente, per quanto ho detto sopra)!

PS: Il tema di Benny Hill! 😀

Flattr this!

13 commenti su “9×05 – The Girl Who Died”

  1. spettacolare il modo con cui il dottore ne esce…. ma il capo dei MElma gli promette ci rivedremo…. sara’ chissa’ quando o in questa annata?

    RIguardo Ashildr, appena la vede il dottore e’ come se la conoscesse…. che l’abbia gia’ vista in passato?

      1. In effetti in una qualche remota puntata mi pare che il dottore dica che un SIgnore del tempo vede anche la dimensione del tempo tutta insieme come se fosse un panorama. Quindi si, la “ricorda dal futuro”!

    1. Sì, l’ho scritto.

      Ma è un viaggiatore del tempo, potrebbe tornare indietro e usarli. O tenerli per la prossima occasione personale.

  2. perfetto il pezzo sulla puntata… ma… avrei aggiunto che in the fires of pompeii, il capofamiglia della famiglia di pompei che viene salvato dal dottore (david tennant), é peter capaldi (attuale dottore), la faccia già vista anni prima viene giustificata come “promemoria”… geniale!

  3. puntata carina ma che non mi ha fatto impazzire un po’ sotto al livello delle precedenti secondo me, aspetto però a vedere la puntata collegata prima di giudicare però, in questa puntata ho molto apprezzato Clara che imho è migliorata veramente molto dall’inizio

  4. Io. Adoro. Capaldi.
    Secondo me hanno un po’ sprecato la faccia di Capaldi in Fires of Pompeii ma comunque è stato un colpo al cuore rivedere quelle scene. Anche io sono rimasto sconcertato dal fatto che potrebbe resuscitare chiunque coi kit e non lo fa

  5. A me la cosa che lascia un po’ perplesso è che un popolo che ha una macchinetta per creare guerrieri immortali abbia paura di un fantoccio…
    L’ennesima situazione un po’ troppo “convenient(e)” per il dottore.

  6. Visto solo ora. Finalmente, finalmente qui si torna sulle amate sponde del sentimento. Questa nona stagione per me è bellissima. Confesso che l’ottava mi aveva lasciata un po inorridita…soprattutto il macabro finale. Vogliamo anche parlare dell’ironia celata nel “succo di testosterone” che alimenta guerre e faide senza fine…no non parliamone perchè il momento è fin troppo grave, però io non trascurerei queste sottotracce “serie” mascherate da pupazzi del carnevale.Commovente la traduzione del bambinese..commovente e secondo me azzeccatissima. La tessera del domino da resurrezione è un punto debole, ma la serie non andrebbe avanti se dovesse usare la logica..I pantaloni del Dottore, da urlo, si vede che era giovane nell’era punk..e che la rimpiange, come tutti noi stagionatelli.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.