Tutti i Dottori.

Il giorno del Dottore

Tutti i Dottori.Il giorno del Dottore è venuto e se n’è andato. Scusate la ridicola mancanza di aggiornamenti sul sito proprio in questi giorni, ma è andata così perché eravamo a Londra alla Celebration. E poi al cinema a vedere lo Speciale, naturalmente, quindi il sito è stato un po’ trascurato. Spero ci abbiate seguito su Facebook dove abbiamo potuto postare un po’ di foto dalla convention, un po’ di commenti e girare molti link.

Ora stiamo lavorando ai sottotitoli e al commento per Serialmente, come sempre.

Qualche brevissima informazione nel frattempo, che magari vi è sfuggita:
– Gi ascolti iniziali (gli inutili overnight che comunque fanno da base a quelli reali) sono altissimi: 10,2 milioni di spettatori (contando solo la televisione, ovviamente, i cinema sono a parte);
– Gli ascolti italiani sembrano essere stati ottimi! Con 363.000 spettatori rappresenterebbe il record assoluto per la serie. Nonostante gli strafalcioni assurdi di traduzione ormai già diventati dei classici (“tear in the fabric of reality” che diventa “lacrima nella fabbrica della realtà”). Ribadiamo che Rai4 non ha colpa per queste cose perché non ha controllo sul doppiaggio, controllato pare direttamente dalla BBC;
– La trasmissione in contemporanea mondiale è entrata nel Guinness dei primati, 94 paesi, 6 continenti senza contare i cinema!
Peter Davison ha girato un meraviglioso contro-Speciale, vedibile anche dall’Italia intitolato “The Five(ish) Doctors Reboot”. Guardatelo, è obbligatorio.

Altri filmati:

Steven Moffat fa gli auguri al Dottore:

Scena tagliata da “The Day of the Doctor”:

Flattr this!

35 commenti su “Il giorno del Dottore”

  1. tear in the fabric…
    lasciamo stare, quando l’ho sentito sabato non sapevo se ridere o piangere..
    In effetti senza aggiornamenti qui è stato un po’ strano ma sapevamo dove eravate… e tanta invidiaaaaa! 😉

    1. E la traduzione di Timey Wimey? In un doppiaggio ho sentito “problemino con il tempino”, l’altro giorno hanno ritrasmesso la puntata e Matt dice c’è un problema al timey wimey….

      1. Hanno aggiustato alcuni errori rifacendo parte del doppiaggio. E hanno anche chiamato il doppiatore originale di Tom Baker per la sua parte. Onore a Rai4 che ha richiesto queste modifiche.

        E siccome un paio di errori grossi sono rimasti fuori, il doppiaggio verrà corretto una seconda volta!

        1. Infatti mi sembrava che alcune battute fossero diverse… oibò… grazie per la risposta cmq!

          Ne approfitto per fare una domanda… per caso qualcuno sa dove potrei trovare il copione della puntata?
          Volevo trovare il testo originale della risposta alla domanda: qual è il tuo giuramento…

  2. Gallifrey stands !!
    GALLIFREY STANDS !!!
    Dopo la doverosa visione su RAI 4, va assolutamente rivisto in inglese, tutta un’altra emozione.

  3. Ciao a tutti.. ma per i poveri “ignoranti” che non masticano l’inglese.. potete spiegare il senso dello “strafalcione” del tear in the fabric of reality?

    Grazie 🙂

    1. “Tear” in generale può voler dire sia “lacrima” che “strappo”, “lacerazione” come era ovviamente in questo caso. E “fabric” non vuol mai dire “fabbrica”, vuol dire soltanto “tessuto”. Nemmeno un traduttore automatico riuscirebbe a tradurre questa frase così male (basta provare, Google Translate la traduce correttamente).

  4. Laz non ti invidio affatto per il commento all’episodio tra time-what-lock, freeze, poverino (non che sia complicatissimo but still). Però avevi ragione sulle rigenerazioni, complimenti! 🙂

    Il mio commento è per ora un piccolo boh. Il possibile ritorno dei TimeLord mi piace ed il viaggio preannuncia trama orizzontale à gogo, ottimi i tre dottori, la scena della porta vale quasi tutto l’episodio e Hurt che dice ‘ma sei capace di parlare senza muovere le mani?’ mi ha fatto morire ma.. uhm, questo non vanifica un pochino sul lavoro di RTD per 9 e 10? Nemmeno un pochino? Non è retorica, è che non ho ancora deciso se sia stato un riscrivere positivo. Vedremo come mi convincerai.

    Il Dottore inoltre non era colui che scappava dal suo pianeta prima della guerra del tempo perché (forse) detestava un po’ la decadente, altezzosa e malvestita società? Cos’è cambiato? Questo entusiasmo servirà forse solo per una piccola poetica disillusione al suo ritorno sul pianeta dopo forse aver ricevuto le nuove inevitabili rigenerazioni?

    O vuole solo le rigenerazioni per dire subito ‘che bello grazie, KTB!’. Bene, tutto ha senso ora 😛

    Mi è piaciuta anche Clara anche se la sua funzione si limitava di nuovo al classico grillo parlante ma.. oi, dov’erano Kingston e Capaldi? Avrebbero dovuto essere parte della trama magari come committenti del dipinto (e il cammeo non mi basta! Era un cammeo DELLE PUPILLE di Capaldi)?!? Vabbeh magari non avevano ancora scelto la mise di Peter e Alex era impegnata, sarà per la prossima volta… e stavolta davvero!

    In generale, pur essendo stato un buono speciale con ottima scrittura (il Moff si è impegnato) si poteva fare un pochino di più in certe aree e su certe implicazioni… sulle implicazioni sono ancora in dubbio 😉

        1. Perdonate l’intromissione, ma volevo esprimere un attimino la mia idea. 🙂

          “uhm, questo non vanifica un pochino sul lavoro di RTD per 9 e 10? Nemmeno un pochino?”

          Personalmente direi di no.
          Perché di fatto non è stata una riscrittura dell’evento, nel senso di una modifica sostanziale di esso, ma l’evento vero e proprio così come è realmente accaduto senza alcuna modifica.
          Il classico “cerchio temporale alla Moffat”: un personaggio del futuro che fa sì che il passato sia come debba essere (anche se fino a quel momento il personaggio in questione non poteva saperlo).
          Eleven dice che “Ha cambiato idea” riguardo l’azionare il Momento, ma sebbena parlino di cambiare la loro storia in realtà la stanno plasmando così come in realtà è accaduta.
          Non hanno modificato proprio niente: il Dottore non ha cambiato la Storia, ha fatto sì che la Storia fosse come doveva essere.
          Ma il Dottore, come Eleven, fino a quel momento non poteva saperlo perché non poteva ricordarlo.

          9 e 10 hanno sofferto come cani dalla convinzione di aver annientato la propria gente. Il dolore che si sono portati era REALE e ben motivato.
          E non solo: il Dottore non è stato il solo a credere di essere l’Ultimo dei Signori del Tempo (ad esempio, mi viene in mente i Vampiri di Venezia, dove la Signora Calvierri all’udire l’identità del Dottore dice, se non ricordo male qualcosa del tipo “Oh, allora dovresti stare in un museo!”)

          Alla luce di ciò, invece che “vanificato”, con questa svolta direi che il dolore patito dal Dottore sia stato ironicamente crudele.

          A mio parere le implicazioni future si fanno molto interessanti: penso che ufficialmente solo lui stesso e Clara siano i soli a sapere che il Dottore non ha commesso il genocidio del Time Lords.
          O, forse, anche River? (il suo “spoiler” ne Il nome del Dottore?)

          Quindi, esattamente cosa vogliono fermare quelli del Silenzio? Il ritorno di Gallifrey?

          1. Silenzio vs Gallifrey… ! 😉

            Ok, ma hai appena tolto la parole GENOCIDIO sulla sua testa per ora (a meno che non decida di ammazzarli di nuovo due minuti dopo averci parlato) e ciò che appare ora è al massimo ironia vagamente crudele da 9 fino a 11. Non so, vanificato inteso solo come ‘appena privato di efficacia’ non ‘inutile’ 😉 Però ci aspettano molte belle cose adesso da vedere aperto questo nuovo capitolo e.. vecchie da ‘risolvere’ prima della fine di Time of the Doctor: Silenzio (che proseguirà 12 credo!), Tardisboom, la tizia con la benda, le impronte a casa di Amelia (ancora?), la Chiesa, Trenzalore. Magari alcune rimarranno con Peter ma molte suppongo avranno risposta proprio qui con la fine di Matt 🙂

  5. Salve, complimenti per il sito e la pagina Facebook!
    Vorrei solo chiedervi se avete intenzione di fare i sottotitoli anche per Five(ish) Doctors? Sarebbe magnifico!

      1. Se fosse facile farlo guardando il video l’avreste gia’ fatto, immagino. (Pensavo faceste sempre cosi’! Mi sembrava un lavoraccio – l’ho fatto qualche rara volta con cose molto piu’ brevi.)

  6. @Twelvecentric

    “Ok, ma hai appena tolto la parole GENOCIDIO sulla sua testa per ora (a meno che non decida di ammazzarli di nuovo due minuti dopo averci parlato) e ciò che appare ora è al massimo ironia vagamente crudele da 9 fino a 11. Non so, vanificato inteso solo come ‘appena privato di efficacia’ non ‘inutile’”.

    Capito. 😉
    Comprendo il punto di vista. Però per me non è privato di efficacia, ma lo considero una sorta di evoluzione (anche narrativa).
    C’è da ricordarsi che una guerra l’ha comunque combattuta per un bel po’ di anni. I Dalek li ha comunque fatti fuori, in un modo o nel’altro, e tutt’ora il Dottore avrebbe le sue buone ragioni per non averli in simpatia.
    😉

    Personalmente non credo che il peso di tutte le cicatrici emotive che si è portato fin’ora si sciolgano come neve al sole, solo per via di questo episodio.
    Al momento questa svolta la considererei un passo per un’ulteriore crescita del personaggio.

    Ora bisogna vedere quali sono gli sviluppi futuri: chi ci dice che la felicità del momento invece non si riveli poi portatrice di oscure sventure per il Dottore?

    1. Ovviamente lo speriamo! 😉

      Sì forse alla fine avrebbe stancato, dopo decine di dottori, questa solitudine post-genocidio.. o forse no 😉 La colpa è sempre lì nella sua mente e quello non cambia ma.. adesso noi sappiamo che non aveva molta ragion d’essere. Oh well, let the future begin!

      1. stavolta mi intrometto io…
        io non ci vedo un cambiamento cosi radicale, cioè prima Gallifrey era bloccato nella time lock adesso e congelato nel tempo disperso chissà dove …. e come se qualcuno dicesse al dottore che sono sempre nella time lock ma che li puo tirare fuori in qualche modo.

        io la vedo cosi, non è che adesso il dottore non deve rimpiangere quello che è successo nella time war, resta ancora “la tempesta imminente(o che avanza)”… perche ha sempre combattuto solo che invece di aver distrutto/bloccato Gallifrey definitivamente, lo ha fatto mettendo una piccola via d’uscita tipico del dottore.

        e poi Gallifray sono gia 400 anni che è bloccato/disperso/congelato nel tempo e chissà quando lo tira fuori, non so se i signori del tempo saranno tanto contenti di quello che ha fatto il dottore, ache se alla fine li ha salvati

        1. In realtà sono due concetti completamente diversi. “Time Lock” vuol solo dire che non ci puoi entrare pur essendo un viaggiatore del tempo. (Se non ti chiami Dalek Caan o “Il Momento”, a quanto pare). Ma Gallifrey è stato completamente distrutto e i Time Lord uccisi tutti alla fine.

          Ora invece alla fine nessuno viene più ucciso, vengono “congelati” tutti quanti fuori dal Time Lock. Ma vivi e vegeti.

          Per il Dottore inteso come 9, 10 e 11 fin qui non cambia _nulla_ perché non lo sa. Per 11 da qui in poi cambia tutto.

          Tornando alla domanda iniziale: non è una vanificazione del lavoro di RTD, ne è una celebrazione!

          1. anch’io penso che il lavoro di RTD non è stato compromesso ne vanificato, ma con la storia di Gallifrey, time lock, time war ecc… ecc… siamo tutti un pò confusi

  7. Ho una domanda relativamente alla timeline di DW.
    Come si pone “The Day of the Doctor” rispetto a Eleven e Clara su Trenzalore? Sono usciti incolumi dal TimeVortex di Trenzalore e hanno ripreso la loro “vita normale”, si colloca prima o dopo o..?

    Insomma, sono l’unica che si è posta la domanda :DDD?

  8. Ragazzi, ma solo io mi chiedo fin dalla prima serie con Eleven, da dove sia saltato mai fuori il dottore che da a Rory il cacciavite per liberare il dottore stesso dalla prigionia della Pandorica?

    Me lo domando da sempre… Se 11 attuale era rinchiuso, come faceva 11 del futuro a tornare indietro e liberarsi? O_o

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.