Il Dottore, un po' a pezzi.

4×18 – The End of Time, Part Two

Il Dottore, un po' a pezzi.Episodio: 4×18;
Titolo: The End of Time, Part Two;
Titolo italiano: La fine del tempo (seconda parte);
Data di trasmissione in UK: ;
Data di trasmissione in Italia: ;
Scritto da Russell T. Davies.

Trovate il nostro commento dettagliato all’episodio su Serialmente. EDIT: Serialmente non esiste più, quindi copiamo qui il post!

“Worst. Rescue. EVAH!”

Ci siamo. Lo so, l’ho già detto un milione di volte, ma questa volta è quella vera, con questo episodio finisce tutto quanto, il Decimo Dottore e il Doctor Who di Russell T. Davies. È la fine di un’epoca, e di un telefilm che è tornato a un successo che qui in Italia ci possiamo sognare per una serie TV (e anche in USA, se è per questo…), un vero e proprio fenomeno culturale che rimasto in apnea per una quindicina di anni è tornato alla ribalta grazie a RTD e a Christopher Eccleston prima e David Tennant poi. E ora si vedrà cosa combinerà il buon Steven Moffat. Ma prima di tutto… nello scorso pre-cut si era detto che c’era una cosa abbastanza ovvia che si era capita, cioè cosa fossero quei famigerati “four knocks” che avrebbero preannunciato la “morte” del Dottore… vero? Bene, altrettanto ovviamente avevamo preso una grossa cantonata…

…ma andando in ordine!

Si inizia su Gallifrey, durante l’ultimo giorno della Time War. 007, il capo dei Time Lord noto anche come Rassilon, è lievemente incazzato e non vuole perdere la guerra contro i Dalek. Ma – ovviamente – c’è una profezia che riguarda il Dottore, il Master e la Terra ed è questa profezia a dare una speranza ai Time Lord.

Sulla Terra il Master ha fatto prigioniero il Dottore e Wilf e racconta l’episodio della sua infanzia che dà inizio all battito nella sua testa, lo stesso di cui noi sappiamo da “The Sound of Drums”. I due riescono però a liberarsi grazie ai Vinvocci che stendono il Master. Nel frattempo Donna, che stava ricordando tutto, è svenuta (facendo svenire anche tutti i Master attorno a lei) grazie a una “sicura” inserita dal Dottore quando le aveva rimosso i ricordi. Passerà praticamente il resto dell’episodio incosciente.

I Vinvocci si teletrasportano con Wilf e il Dottore sulla loro nave e vorrebbero scappare, ma il Dottore ovviamente blocca la nave in orbita. “Intanto” (si fa per dire) vediamo che i Time Lord hanno inviato attraverso il tempo quattro battiti (il ritmo cardiaco di un Time Lord!) fino all’infanzia del Master… ecco l’origine dei suoni. Ma non bastano… serve un contatto fisico, così Rassilon lancia sulla terra una pietra preziosa che si trova solo su Gallifrey. Il Master la trova e capisce cosa sta succedendo. La Time War è “time-locked” e nulla può entrare o uscire… tranne qualcosa che già non fosse fuori, come il segnale nella testa del Master.

Sulla nave, intanto, Wilf incontra ancora una volta la donna misteriosa, dopodiché cerca di convincere il Dottore a prendere la sua pistola e uccidere il Master, prima che sia lui a ucciderlo. Il Dottore rifiuta. Wilf scopre che se il Master morisse, gli altri umani tornerebbero normali e supplica il Dottore di prendere la pistola, di usarla e di non morire. Il Dottore è categorico finché… non sente un messaggio trasmesso dal Master, dal quale capisce che i Time Lord stanno tornando. A questa notizia il Dottore afferra la pistola e inizia a pilotare come un matto la nave verso la residenza Naismith, base del Master. Wilf si improvvisa Luke (Skywalker, non il figlio di Sarah Jane) e al cannone distrugge decine di missili lanciati loro contro dai vari eserciti terrestri del Master. Ma perché il ritorno dei Time Lord non dovrebbe essere una cosa positiva? Perché quando il Dottore parla di loro e di Gallifrey con nostalgia, ha solo deciso di mantenere un ricordo positivo, precedente alla Time War. Infatti, verso la fine dell’interminabile guerra, i Time Lord erano diventati peggiori di tutti i loro nemici e progettavano di porre fine al tempo stesso e ascendere come creature di pura conoscenza. Ed è per questo che il Dottore li ha dovuti distruggere insieme ai Dalek.

Il Dottore arriva (lanciandosi dalla nave sulla residenza), ma è tardi, i Time Lord sono arrivati. Il Master , come suo solito, intende fregare anche loro, trasformandoli tutti in copie di se stesso, ma ha fatto i conti senza Rassilon, che col suo magico guanto (?) inverte con facilità la trasformazione dei terrestri che tornano normali, per la gioia di John Simm che può tornare a interpretare un unico personaggio invece di sei miliardi.

A questo punto il Master comincia a cambiare fazione ogni due secondi, cercando di stare dalla parte del vincente… ma il problema è che non sono solo i Time Lord a tornare, è Gallifrey stesso che inizia a comparire e a spingere la Terra fuori dalla sua orbita. Gli Ood avevano predetto anche questo.

Il Dottore spiega al Master che essendosi perso la Time War non gli sono chiare alcune cosette simpatiche sui Time Lord… ovviamente al Master non va tanto bene che facciano terminare il tempo (soprattutto perché non lo prenderebbero con loro essendo un reietto), al che il Dottore prende la pistola di Wilf e comincia a puntarla alternativamente verso Rassilon e verso il Master… perché uccidendo il Master si interromperebbe il collegamento dentro la sua testa e Gallifrey con i Time Lord tornerebbero da dove sono venuti.

Tra i Time Lord presenti ce ne sono due che, per aver votato contro l’”attacco” alla Terra, si coprono il volto per punizione. Una di loro si mostra e inizia a piangere e il Dottore la guarda costernato. È la misteriosa donna che Wilf ha visto più volte. Al che il Dottore decide, punta la pistola al Master, ma gli dice di levarsi. Dietro di lui c’è la pietra preziosa che sostiene il collegamento, facendo saltare quella, Gallifrey torna nella Time War e con lui i Time Lord. Prima di sparire Rassilon cerca di uccidere il Dottore, ma il Master interviene colpendolo quattro volte con le sue onde d’energia vendicandosi per un’intera vita di follia dovuta al segnale inviato nel suo cervello da bambino. E scompare con loro.

Sembrerebbe tutto finito, il Dottore stesso non sembra crederci… è ancora vivo. Ma… si sente bussare.

Quattro volte.

È Wilf, è rimasto chiuso nella camera di controllo dove c’è una perdita radioattiva. E per tirare fuori Wilf non c’è altro modo per il Dottore se non… entrare lui. Dopo un giustificato sfogo, il Dottore lo salva e si becca una dose letale di radiazioni che lo uccideranno lentamente, quindi decide di andare a “prendersi la sua ricompensa”. Rivedendo con i suoi occhi i suoi companion per l’ultima volta e salvando loro la vita, nei modi più svariati.

I primi che vediamo sono Martha e Mickey che… sono sposati! E freelance! Il Dottore li salva da un Sontaran e si allontana senza dire una parola. È quindi il turno di Luke (il figlio di Sarah Jane, non Skywalker) che, come in tutta la serie che lo vede protagonista, attraversa la strada di fronte casa sua senza guardare… il Dottore lo salva da un’auto che sta sopraggiungendo e se ne va, sotto gli occhi di Luke e Sarah Jane che capiscono.
Tocca a Jack, che nella cantina di Star Wars beve solitario, reduce dai tragici avvenimenti di “Children of Earth”. Il Dottore gli fa avere un biglietto con scritto “Si chiama Alonso”. Dopodiché Alonso Frame (da “Voyage of the Damned”) si siede vicino a lui e Jack ne approfitta per attaccare bottone e forse riprendere a vivere.

A sorpresa la prossima visita è alla nipote di Joan Redfern, di “Human Nature”/”The Family of Blood”; ha trovato i diari della nonna e ne ha tratto un libro intitolato “A Journal of Impossible Things”. Era una donna che il Dottore aveva amato nel suo periodo da umano e alla fine della sua vita vuole sapere dalla nipote se la nonna avesse avuto una vita felice.
Rimane Donna… di cui finalmente vediamo il matrimonio! Il Dottore si fa vedere da Sylvia e Wilf e dona loro come regalo di nozze un biglietto della lotteria, acquistato con dei soldi presi dal padre di Donna prima che morisse.

Infine, ovviamente, va da Rose. Una Rose (che vediamo qualche momento con Jackie) che ancora non lo conosce, il primo gennaio 2005, mesi prima che lei incontrasse il Nono Dottore. Nell’ombra, passando da ubriaco, le chiede che anno sia e le dice che avrà un magnifico anno.

È giunto il momento di tornare al TARDIS. Ood Sigma lo sta attendendo sotto la neve di fianco alla cabina e gli dice che l’universo sta cantando per lui. Il Dottore entra nel TARDIS, lo avvia e dopo le parole “I don’t want to go”, rigenera.

Di colpo finisce l’era Davis/Tennant e inizia quella Moffat/Smith! Il nuovo Dottore è un esagitato che giustamente si controlla le varie parti del corpo, trovandole tutte al loro posto. Ancora non è “ginger”, e per un attimo teme di essere una ragazza perché ha i capelli lunghi. Il pomo d’adamo lo rassicura, ma sta anche precipitando perché la rigenerazione è stata particolarmente violenta e il TARDIS è in fiamme. Gridando felice “GERONIMOOO” il nuovo Dottore ci dà appuntamento alla prossima primavera.

Ed eccoci così giunti alla fine. Okay, l’ho già detto un milione e una volta, ora basta. Diciamo subito che le (poche) impressioni sgradevoli presenti nella prima parte sono completamente assenti in questa parte finale che rimane di altissimo livello dall’inizio alla fine. (Rimane quindi la domanda: “Obama, WTF?”)

L’episodio è apertamente diviso in due parti, quello della storia principale Master/Time Lord e quello dei saluti finali. Come un qualsiasi episodio di Smallville, però bello.

Nella prima parte Wilf continua a farla da padrone. E così il Master. E Rassilon. E il Dottore. Insomma, ci sono tanti padroni in questa prima parte. La scena migliore forse è quella di Wilf e del Dottore che parlano sulla nave dei Vinvocci quando Wilf cerca di fargli accettare la pistola e gli racconta di quanto era in guerra. E il Dottore che, sempre con estrema gentilezza, rifiuta. Ma la scena forse più forte e terribile sono quei quattro battiti di Wilf che bussa alla porta di vetro. In maniera totalmente inaspettata era lui l’origine dei battiti, sarebbe stato lui ad annunciare la morte del Dottore. La scena che segue, con lo sfogo del Dottore che non vuole morire, ma che ha già ovviamente intenzione di salvare Wilf, è fantastica… e sarebbe forse risultata un po’ strana ed eccessiva, se questo episodio non fosse venuto subito dopo quel “The Waters of Mars” in cui avevamo visto un Dottore “Time Lord victorious” che si stava pericolosamente avvicinando a diventare un Time Lord come quelli che aveva dovuto spazzar via dall’universo.

Ecco, anche questa è una rivelazione enorme, che però forse non risulta del tutto sorprendente. Si era sempre interpretato il ruolo del Dottore nella Time War come quello di qualcuno che era stato costretto a sterminare la propria razza per poter spazzare via i Dalek, mentre si scopre ora che questo era un aspetto secondario, aveva sterminato la propria razza impazzita per fermarla prima che potesse distruggere il tempo stesso. Il che rende ancora più drammatico il suo ruolo da “ultimo dei Time Lord”.

Il povero Wilf deve subirsi così uno sfogo che alla fine forse nemmeno si meritava, perché ovviamente il Dottore avrebbe fatto lo stesso per lo sconosciuto di cui Wilf aveva preso il posto. Così però è tutto più drammatico e dà ancora più valore al ruolo di Wilf che rimane per tutto l’episodio, con piacere, il companion del Dottore. Dal finale della prima parte sembrava che Donna sarebbe in qualche modo sopravvissuta ai ricordi e avrebbe avuto in seguito un ruolo più attivo; invece finisce per dormire tutto il tempo e perdersi tutto ancora una volta! Scelta sicuramente difficile (lasciare Catherine Tate in background), ma assolutamente vincente.

Stupendo anche il Master, che passa come previsto in secondo piano come “cattivo” con l’arrivo dei Time Lord e che in maniera molto pratica cambia fazione più velocemente delle mutande, per poi finire con il salvare la vita al Dottore e vendicarsi avendo finalmente trovato i veri responsabili della sua follia. Scomparendo con i Time Lord resta aperta una porta per un suo eventuale ritorno in futuro e questo è bene.

C’è poi il mistero della donna misteriosa. Io ho sempre pensato che fosse Susan (la nipote del Dottore)… e ancora lo penso, nonostante le dichiarazioni di Julie Gardner nel commento all’episodio in cui dice che secondo lei è la madre e nonostante le prime indiscrezioni sull’edizione espansa di “The Writer’s Tale” di RTD, che uscirà fra pochi giorni, e nel quale sembra si affermi con sicurezza che è proprio la madre (ma potrebbe essere una balla voluta, magari per una trama futura! Mai fidarsi di RTD su queste cose!). In entrambi i casi (o anche fosse sua figlia) lo sguardo tra i due quando si incontrano è perfetto.

E, qui mi ripeterò, ma Murray Gold in questo episodio è fenomenale… dovrebbero fare un intero CD con tutta la musica da questo episodio invece di uno solo per tutti gli speciali! Ma per fortuna avremo almeno quello. E ancora più per fortuna Murray Gold resterà a bordo per la quinta stagione, cosa che nessuno si aspettava più, ma annunciata pochi giorni fa!

Passando invece alla seconda parte si raggiunge una gamma di emozioni completamente diverse. Si va in salita, si parte da Martha e Mickey che, a sorpresa, si sono sposati tra di loro! Che Martha si fosse sposata lo si sapeva da “Children of Earth”, ma tutti si aspettavano che fosse con il suo dottorino Tom Milligan il cui anello di fidanzamento Martha ci aveva fastidiosamente mostrato milleottocento volte. E invece così diamo anche un saluto finale a Mickey. Fanno sicuramente una bella coppia! Per quanto riguarda Luke il Dottore salvando lui salva anche Sarah Jane che senza il suo Luke sarebbe sicuramente persa (è persino più pesante di Micheal e il suo “Walt, Walt, they took my son!“).

/mode “mi vanto al bar” on | La scena di Jack devo dire di amarla per motivi personali, visto che eravamo fuori da quel locale di Cardiff il pomeriggio in cui l’hanno girata e abbiamo visto entrare e uscire David, John, Russell Tovey (Alonso), Euros Lyn (il regista), Julie Gardner e alieni vari. /mode “mi vanto al bar” off 🙂
E anche a Jack il Dottore in qualche modo “salva la vita” perché dopo le perdite subite nella sua serie, quello che gli serviva era una spinta per ricominciare a vivere.

Toccante il saluto alla nipote di Joan Redfern… e giusto; è vero che è apparsa solo in un episodio (doppio), ma per il Dottore è stata come una vita reale. E l’ha amata. Chi ha invece finalmente trovato l’amore è Donna e, come in risposta ai commenti di Wilf sulla “povertà” della giovane coppia nella prima parte, il Dottore regala alla sua migliore amica un futuro da milionaria. Sarei proprio curioso di vedere Donna tra un anno!
Infine, giustamente, l’ultima persona che il Dottore va a vedere prima di rigenerare è Rose. Nell’unico modo che ha perfettamente senso senza andare a scomodare dimensioni e Dottori paralleli. Tornando indietro nel tempo a prima del loro primo incontro. Già da maggio quando alcuni fan avevano visto girare questa scena a Londra, qualcuno si è lamentato che fosse “assurdo” che Rose avesse potuto vederlo e non ricordarlo poi. Io direi piuttosto che sarebbe più assurdo ricordare dopo un anno (o più) di viaggi col Nono Dottore, che il Decimo somiglia a un ubriaco intravisto in penombra la notte del primo gennaio 2005. Perfettamente calzante anche il luogo dove avviene il tutto, esattamente lo stesso in cui era uscito dal TARDIS per la prima volta il Decimo Dottore ancora con i vestiti del Nono, per svenire davanti a Jackie e Mickey. Dove tutto ha avuto inizio, tutto ha fine.

E la battuta finale di Tennant è da brividi. La prima cosa che mi ha ricordato è stata la battuta finale di Fred in Angel. Anche perché per quanto la rigenerazione non sia una vera morte questa volta è stato a lungo sottolineato il fatto che in un certo senso è davvero come se lo fosse. È la prima volta che un Dottore ha tanto tempo per riflettere sulla sua imminente rigenerazione, la prima volta che gli viene annunciata con ampio preavviso. E lui… non vuole andarsene. Uno dei momenti più drammatici e da lacrime dell’intera serie.

Però se ne va. E su queste parole termina la sceneggiatura di Russell T. Davies e si intrufola per gli ultimi secondi Steven Moffat. Che subito stempera l’atmosfera drammatica con il giusto livello di follia del nuovo Dottore. Ovvio che già manchi a tutti Tennant, ma lo stesso era successo con Eccleston durante i primi minuti di Tennant e poi Tennant è diventato il Dottore più amato di tutti i tempi. Questo Smith sembra promettere bene, visto anche il trailer della quinta stagione uscito qualche giorno fa. E così la sua companion e le sue minigonne! Non rimane che aspettare la primavera.

Su Doctor Who in generale che posso dire? Personalmente, grazie a una varicella di qualche anno fa che mi ha lasciato a casa per settimane con nulla da fare, ho iniziato a guardarlo. E sempre grazie alla varicella ho anche continuato dopo il pilot (cosa che altrimenti non credo avrei fatto! Autons…?!). E ho scoperto quella che ora considero la miglior serie non di Joss Whedon di tutti i tempi. Quindi grazie RTD, grazie David Tennant e… grazie varicella!

The End of Time, Part Two è stato scritto da Russell T. Davies (gli ultimi minuti da Steven Moffat).

(Grazie a Morry per l’aiuto!)

+ (episodio)

(serie 2005-2009)


Il saluto finale di Russell T. Davies e David Tennant! Ce la farà il Dottore a sconfiggere I Master? Oppure 007 lo ucciderà con il suo sputazzo assassino?

Lo script originale dell’episodio è disponibile in pdf sul sito del librone di Russell T. Davies The Writer’s Tale.

In replica (leggermente più presto del solito).

Ricordate anche che

Nella gallery trovate alcune immagini dell’episodio.

Il trailer italiano:

Flattr this!

54 commenti su “4×18 – The End of Time, Part Two”

  1. Solo una domanda che non c’entra molto con l’episodio: da qualche mattina sto registrando la 1^ serie per riguardarmi gli episodi più vecchi, ma nel bel mezzo della puntata l’immagine sparisce e rimane solo il logo Rai4 fino alla fine della puntata stessa; succede solo dalle mie parti o è una cosa comune?

  2. Fantastico!!! RAI 4 streaming non funziona! Mi sto perdendo l’episodio!! :'( Speriamo che domani riuscirò a vedere la replica!!!!!!!!

      1. Grazie per gli auguri ma NADA!!!!
        Mi toccherà vedere la fine di Ten con i sottotitoli italiani… che disdetta!!!!

        1. O ti toccherà aspettare l’uscita del cofanetto dvd della 4^ stagione… pazienza, che prima o poi arriva!!

          1. Nooooo non posso rimanere in sospeso!!!
            Tanto poi me le riguarderò tutte con calma.. tranne la terza mi sa! :-/

  3. È appena finito questo episodio fantastico… è andato via il Dottore, il nostro Dottore, quello che ci ha appassionato per 3 stagioni… Grandissimo David Tennant!!!! Sarai sempre tu il MIO Dottore preferito!!!!!!!!!

  4. Un breve commento a caldo, se riesco a trovare la tastiera sotto i fazzoletti: RTD & C. SONO. DEI. BASTARDI; non si può trascinare l’agonia di un protagonista così amato per 20 minuti, con la carrellata dei “saluti” a tutti i suoi ex-compagni e la musica struggente che accompagna il suo accomiatarsi dalla vita!
    E proprio uno sta versando fiumi di lacrime mentre Ten (e noi con lui) mormora “non voglio andarmene!!”, ecco che al suo posto compare il sig. Smith… caduta improvvisa del tono di tutta la scena.
    Solo un appunto: a me piaceva molto Wilf, ma parliamoci chiaro: c’era proprio bisogno di beccarsi tutte quelle radiazioni per salvare un ultraottantenne (che oltretutto gli chiedeva di non farlo)? Lo so che non avrei dovuto neanche pensarlo,ma nella foga del momento mi è venuto d’istinto… scusate!
    Come dice la canzone: Vale, Decem – Adieu, Ten

    1. In realtà anche se Ten si incazza con Wilf… avrebbe fatto la stessa identica cosa per l’anonimo scienziato di cui Wilf aveva preso il posto.

      Così almeno si è sacrificato per qualcuno che amiamo tutti, sicuramente è stato meglio!

  5. che dire,ho pianto e non mi vergogno a dirlo,Ten e’ un attore fantastico.Speriamo che facciano una serie con il dottore umano e con Rose,una coppia che ho amato dall’inizio.

    p.s Il nuovo dottore non mi garba,ho visto tutta la quinta serie e grido al mondo intero::ridatemi Tennentttttttttttttt

    1. Ma cosa potrebbero mai fare il Dottore umano e Rose?
      Niente di extraterrestre o a spasso nel tempo… a meno che non si scopra che in realtà lui può rigenerarsi ecc. ecc.!

        1. Bello, non sapevo che avessero un TARDIS, questo potrebbe cambiare molte cose…
          Devo dire che sarei estremamente contenta se ricomparissero prima o poi, chissà con quali sviluppi.
          PS: non intendevo che dovessero stare sotto una campana di vetro, ma solo che forse le loro avventure “terrestri” avrebbero senso al di fuori di una serie come Doctor Who, basata sulla scoperta di tempi e mondi diversi dal nostro.

          1. beh ricordiamoci che se non erro vivono in un mondo costantemente nei casini coi cybermen, che per quanto ridicoli sono tanto blutti e cattivi 😉 quindi materiale dottoresco ce n’è…

        2. Se attaccano di continuo la terra, perché nn farlo nel mondo parallelo? E poi una bella storia d’amore ci vuole.

          1. Attendiamo con ansia, vedi mai che la facciano… materiale ce ne sarebbe in abbondanza (vedi le innumerevoli storie di fanfiction scritte sulla coppia Rose/Dottore Altro, che vanno dal piacevole all’Harmony)!

  6. Oddio ma Wilf da del lei a Ten? Ma LOL! Che bello mi piace leggere di tutti questi pianti! Non perché io sia cattiva o che ma perché è bello sentire che l’opera di RTD continua ad emozionare e anche in italiano!

    Da stramaga fan di Ten anch’io sono partita con delle riserve su Eleven ma credetemi è davvero un ottimo Dottore e vi piacerà. Molte persone si sono sentite in “dovere” di odiare Eleven ai tempi della messa in onda in UK (ricordo di aver fatto parecchie litigate a proposito) ma credetemi, Eleven vi piacerà e questo non vuol ASSOLUTAMENTE dire che “morto un papa se ne fa un altro” Ten sarà sempre il MIO Dottore come per molti altri fans, alla fine a chi piace la torta al cioccolato può piacere anche quella di frutta no? Una cosa non elimina l’altra 🙂

  7. Concordo assolutamente con ery-chan. Smith è taaanto diverso, ma notevole nella sua diversità. Solo, non bisogna avere sempre Ten davanti agli occhi quando lo si segue 😉

    Concordo anche con chi dice che, non appena è comparsa la faccia nuova in rigenerazione, gli è venuto un “noooo ma chi è questo” in gola. E’ normale, credo 🙂

    E a proposito della bastardaggine di RTD: io l’ho amato, per quei 20 minuti. Perché per un personaggio così serviva la “coda” lunga, e non è stato uno stillicidio ma un omaggio, un omaggio vero.

    1. So benissimo che serviva la “coda” lunga, sono d’accordo, anzi penso che mi sarebbe scocciato molto se avessero eliminato Ten in due inquadrature, ma resta il fatto che così il nostro cuore ha sanguinato con lui… e a lungo!

      1. ..lui NON VUOLE MORIRE..e noi che restiamo senza di lui???!!!almeno lui si rigenera..noi consumeremo le nostre registrazioni.Meno male che Eleven mi piace, ma ci vedo sempre Ten con un’altra faccia. Ho letto i vecchi commenti di Serialmente, certo che per alcune persone l’emotivita’ e’ proprio una vergogna(??!!)spero non siano i ragazzi piu’ giovani, poveri noi se e’ cosi’.Non tutto deve sempre essere ipoerlogico, perfetto e funzionante,questo si che sarebbe un brutto film di fantascienza.

        1. Io ho messo tutti gli episodi più significativi su dvd e penso che me li riguarderò fino al limite del possibile (anche i dvd si consumano…), tanto credo che molto difficilmente mi stancherò di vedere la faccia di Ten, Rose e Donna… e al diavolo che disprezza gli emotivi!

  8. AAAh, stamattina va un po’ meglio, ho ancora gli occhi discretamente rossi e un po’ di “magone” in gola, ma sto cominciando a metabolizzare il tutto…
    In compenso comincio già a sentirmi orfana di uno dei miei personaggi preferiti; penso che da oggi pomeriggio continuerò a guardare la 5^ serie, ma con un occhio diverso da prima… spero di cambiare idea, ma Eleven mi dà più l’idea di un liceale in gita premio che un Signore del Tempo quasi millenario… c’era proprio bisogno di prendere un attore così giovane per continuare?
    Se continuano a ringiovanire la figura del Dottore, tra qualche anno potranno scritturare baby Tennant (giusto il tempo di aspettare che nasca e cominci a frequentare l’asilo)…

    1. ti dimenticherai che è giovane, da quando assumerà il suo caratteristico “outfit” con farfallino. A quel punto sembrerà un ridicolo e impacciato professore di letteratura inglese 😉

      1. Corncordo! Odio il suo farfallino! XD
        Ma ammetto che per il personaggio è perfetto!
        Certo che caduta di style dopo le bellissime cravatte, camice e completi che indossava Tennant.
        Mi ci è voluta metà stagione V° per abituarmici…

    2. Tra Nine, Ten e Eleven, credo di poter affermare senza timore alcuno di smentite, che il più “vecchio” sia decisamente Eleven.

          1. Volendo, si trovano anche in inglese SENZA i sottotitoli (lo preferisco, così non mi scappa l’occhio sullo scritto, e mi posso concentrare sul dialogo dei personaggi, casomai torno indietro e riascolto il tutto), mi sono già procurata la 2^ e la 4^ serie (per la 3^ ci devo pensare, non è la mia preferita…).

  9. Buon finale, mi è piaciuto molto il Maestro che ha voluto aiutare il Dottore e magari in futuro potrebbe tornare.
    Comunque in molti avevano ragione ormai David Tennant sembrava un pò logarato (soprattutto dalle perdite dei vari compagni) quindi questo nuovo dottore ci voleva proprio!!!

    Ps IL nuovo dottore ha la voce di un protagonista di un altro telefilm ovvero “Chuck”

  10. uffi…;( tante lacrime… mi dispiace x Ten che mi piaceva tantissimo …ma secondo me era arrivato il momento di andarsene…

  11. Commento in ritardo, ma mi dovevo riprendere!!! Oddio, ho pianto troppo…
    mi piace Eleven (è strano forte, ma mi piace), ma rivoglio David!!!

  12. Anch’io commento in ritardo, cause forza maggiore! Ma voglio comunque dire che questo episodio è stato grandioso e commovente… Tennant è stato bravissimo (è bello sentirlo in originale, fa tutto un altro effetto!) e anche John Simm, sarebbe stato un bel personaggio il Maestro se avesse avuto un seguito.. mi è piaciuto anche Wilf come compagno di viaggio..
    Per non parlare dell’addio di Ten ai suoi vecchi e fedeli compagni di viaggio, il che ci fa presagire che si tratti di un addio definitivo … purtroppo, soprattutto per me che ho adorato Rose… ma non si sa mai cosa ci riserveranno gli autori nel futuro!!
    Ho solo un paio di osservazioni da fare, tanto per sdrammatizzare un po’:
    1) OhMioDioMarthaSièSposataConMickey??
    2) Forse non ho seguito attentamente… ma quando Wilf chiede a Ten “chi era quella donna?” si riferiva alla “Signora del Tempo”??

    1. MarthaSièSposataconMickey perchè per Martha non c’era speranza con Ten e per Mickey non ce n’era con Rose (Ten ha fatto 2 “vittime” in un colpo solo)… hanno unito le restanti speranze!

    2. Commento in ultra ritardo, ma non riesco a riprendermi!!! Oggi “vagavo” per l’ufficio completamente persa, elaborare lutti personali rivivendoli e’ veramente straniante. Posso sfogarmi dicendo che evidentemente ho un cuore DALEK e il “caro” nonno Wilf l’avrei FATTO FUORI MILLE VOLTE ED UNA, SENZA NESSUN RIMORSO, personalmente e con soddisfazione^??!!!Posso sfogarmi dicendo che gli ulimi venti minuti SPERO CHE CHI LI HA IDEATI ( pur nella loro forse banalita’) NE PAGHI IN QUALCHE MODO IL CONTRAPPASSO??!!..addio Ten,.. davvero tutti quelli che amiamo ci lasciano,.. e ci spezzano il cuore…

  13. Ma Rai4 insieme alle repliche delle serie regolari non trasmette anche gli speciali? Stamattina mi aspettavo “The Christmas Invasion”, e invece hanno dato la 2×01 (La Vendetta di Cassandra)… peccato!!

    1. Ah! Bene (anzi, male), grazie per la segnalazione. L’avevamo in effetti specificato nel post del giorno giusto… lasciando il dubbio su quale episodio sarebbe andato in onda. Ora ci confermi che in effetti la guida ai programmi era corretta e hanno saltato lo Speciale. Ho provato a chiedere sulla pagina FB di RAI 4, vedremo se risponderanno.

      1. Grazie dell’interessamento, segnalateci per favore se avrete notizie; io l’episodio ce l’ho in inglese, ma mi piacerebbe averlo anche in italiano (spero che sia compreso nel cofanetto della 2^ stagione, visto che è segnato come 2×00), per capire bene tutti i tecnicismi che in originale un po’ mi perdo…

          1. Grazie per la velocità! In quanto a Rai4 posso solo commentare che non si smentiscono mai….

  14. Lacrime, magone, rimpianto e ACCIDENTI quei 4 tocchi di battito da Time Lord! >__<

    Mi sono sentita morire con lui quando li ha sentiti… sono schizzata sù dalla sedia è ho urlato: "QUANTI ERANO?!?! QUANTI ERANO?!?! QUANTI ERANO?!?!" a mio padre è venuto un colpo! XD

    Peccato per Gallifrey. Mi sarebeb piaciuto vedere Doc con altri Signori del Tempo e sul suo paineta, anche solo per mezza puntata. E sono felice che il Maestro abbia aiutato Ten.
    Mi mancheranno sia lui che Rose, ho sempre pensato che fosse davvero l'unica in grado di far scioglire almeno uno dei due cuori di Doc, ma sono sicura che nessun Doctor sarà mai più così umano come Tennant ha reso il Decimo.

    Davvero ho il cuore pieno di rimpianto… ma lo piangerò, lo ricorderò e cercherò di abituarmi al nuovo volto e al nuovo carattere dell'Eleven. Coraggio Smith metticela tutta!

    …e Ten, sarai sempre il mio preferito. ^__^

    P.s : lo so. Sdolcinata fino al diabete, ma dovevo dirlo.

  15. E’ un po’ che andando al lavoro ascolto la mia personale selezione di tutte le soundtrack di Dr Who, dalla I alla V stagione.
    E pensavo: Murray Gold non poteva fare a Ten un tributo migliore di “Vale Decem”.
    (Per chi non conosce le tracce: è il pezzo che inizia col canto degli Ood e porta fino alla rigenerazione, ovvero sino al “cambio di faccia”).
    E’ una rivisitazione del tema del decimo Dottore, ovviamente, ma forse sarebbe meglio dire “magnificazione”. Ogni volta che lo sento rivedo la scena. E ho brividi 🙂 E risento “I don’t wanna go…”.

  16. @Ema: hai ragione, “Vale Decem” è struggente ed immaginifico al punto giusto… un adeguato commiato per chi ci ha tenuto compagnia per così tanto tempo.
    PS: sbaglio o per Nine non c’era un accompagnamento musicale così vasto ed articolato? Il tutto mi sembra cominciato dalla 2^ stagione in poi, no?

  17. Ho iniziato a seguire Doctor Who grazie alle repliche che Rai 4 sta trasmettendo da marzo. Facevo zapping da un canale all’altro e sono capitata giusto giusto (e per fortuna) alla prima puntata della prima serie! Premetto che ho amato molto Christopher Eccleston e ho faticato tanto ma davvero tanto per abituarmi a Tennant, però dalla fine della seconda seria quanto ho amato questo Dottore, solo Rose lo può capire! Si lo so, sono a questi livelli -.-‘
    Purtroppo rai 4 non ha trasmesso lo speciale della fine di Ten, per cui è stato orribile vedere l’ultima puntata della 4° serie, con Ten triste e solo dentro il suo tardis, dopo aver “abbandonato” Donna, e il giorno dopo vedere quella faccia da scemo del nuovo dottore!!!
    Ho scaricato lo special, che non trovavo nemmeno in streaming e l’ho visto venerdi sera…e sono veramente molto molto incazzata! Una storia stupida e inutile creata solo per uccidere Ten! Non c’era assolutamente motivo! Neanche i dalek l’avevano fatto fuori, doveva giusto morire cosi???
    La cosa più brutta, che mi ha straziato il cuore è stato vedere “l’agonia” di questo Dottore che non voleva sapere di andarsene :'( e l’ultima cosa che ho dovuto vedere di lui è stata la sua infinita tristezza, il suo sguardo che mi lacerava il cuore mentre, da solo urlava “non voglio andarmene!” ma vaff!!! :'(
    Questa 5° serie è diversa, non sembra nemmeno Doctor Who, è cambiato tutto e non mi piace 🙁
    Sono rimasti solo i Dalek a ricordarmi che sto ancora seguendo le avventure del Dottore…!

    PS. Ma un film con Ten e Rose non sarebbe fantastico? chi se ne frega degli alieni, io voglio un film sulla loro storia d’amore! <3 romantica me <3

    Scusate per lo sfogo…chissà se mi riprenderò dalla batosta o se perderò totalmente la voglia di seguire ancora questa serie!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.